Magneti Marelli-FAAM: nel 2010 una batteria al litio tutta italiana

Con l’accordo sottoscritto fra la Magneti Marelli e la FAAM nel 2010 nasceranno batterie al litio anche in Italia

Magneti Marelli-FAAM: nel 2010 una batteria al litio tutta italiana

di Francesco Giorgi

02 settembre 2009

Con l’accordo sottoscritto fra la Magneti Marelli e la FAAM nel 2010 nasceranno batterie al litio anche in Italia

.

Ecco la batteria al litio in salsa tricolore: si tratta di ciò che, nel 2010, costituirà il frutto di un accordo industriale firmato fra la Magneti Marelli e la FAAM.

L’azienda d’eccellenza del Gruppo Fiat di progettazione e produzione di sistemi e componenti avanzati per l’industria dell’auto e la factory specializzata nella produzione e commercializzazione di accumulatori al piombo, al litio, a sistema fuel cell e veicoli elettrici hanno siglato un patto di collaborazione che, entro la seconda metà dell’anno prossimo, porterà allo sviluppo, alla realizzazione e alla messa in commercio di accumulatori al litio per autotrazione e per i relativi sistemi di controllo e di gestione (BMS, Battery Management System).

La FAAM interviene nell’accordo mettendo a disposizione le proprie competenze nei sistemi di accumulo di energia per l’uso industriale e per il settore automotive. Dal canto suo, la Magneti Marelli si occuperà della realizzazione di sistemi complessi, nei quali si trovano ad integrare componenti hi-tech quali il motogeneratre, il sistema elettronico di conversione dell’energia, le batterie e il relativo sistema di monitoraggio e controllo.

Dall’intesa fra le due aziende, secondo gli accordi, saranno sviluppate delle nuove batterie al litio per autotrazione e i relativi sistemi di gestione e di controllo, che saranno utilizzati nel settore dei trasporti e della mobilità in un senso più ampio: l’offerta sarà infatti allargata al mondo dell’auto, della moto, degli autobus e veicoli industriali, camper, nautica, mezzi agricoli e industriali (carrelli elevatori, trattori, macchinari per la logistica e per la pulizia delle industrie).

No votes yet.
Please wait...