UR: BAN, il progetto tedesco per la sicurezza

Telecamere 3D, radar e sofisticati software saranno importanti sulle auto intelligenti del futuro: è il progetto UR: BAN per la sicurezza.

A distanza di due anni dalla partenza è il momento di fare un primo bilancio dei progressi ottenuti dal progetto UR: BAN (Urbaner Raum: Benutzergerechte Assistenzsysteme und Netzmanagement), un'iniziativa che vede in campo il Ministero Federale dell'Economia e della Tecnologia tedesco e ben 30 aziende, tra cui il produttore di pneumatici Continental e diversi costruttori come Bmw, Opel, Audi, Volkswagen, Daimler e Man. 

Il programma prevede quattro anni di lavori al fine di migliorare la sicurezza stradale e in un incontro a Braunschweig tenuto oggi si è fatto il punto della situazione di metà percorso. Daimler ha ribadito che uno degli obiettivi di UR: BAN è quello di aiutare il guidatore a prevenire gli incidenti aiutandolo a individuare i potenziali pericoli che si nascondono nell'insidioso traffico urbano

I nuovi sistemi di "assistenza cognitiva" forniscono infatti a chi guida il supporto durante l'attraversamento di incroci, nonché quando si effettua una svolta o si cambia corsia, e servono per diminuire i rischi di tutti gli utilizzatori della strada, compresi quindi i pedoni, i motociclisti, i ciclisti e chi si sposta su una sedia a rotelle. 

Le soluzioni attualmente allo studio fanno leva su sensori in grado di rilevare gli ostacoli che si parano nella zona anteriore dell'auto e gli ultimi progressi vedono un miglioramento della funzione di riconoscimento degli oggetti esterni. Grazie alle più recenti innovazioni è adesso possibile identificare un pedone e altri utenti della strada anche quando il corpo si trova in una posizione "insolita" oppure parzialmente coperta da altri ostacoli, con la possibilità di dedurre dal movimento delle gambe o dall'orientamento della testa la direzione verso cui avviene il movimento. 

L'unione di videocamere stereoscopiche per riprese in 3D e di sofisticati sistemi radar consente inoltre di ricostruire ambienti a 360 gradi con un notevole livello di dettaglio (fino a 500.000 pixel) conosciuti anche come "stixel". All'interno di questo mondo virtuale è rappresentato l'ambiente circostante e il software calcola lo spazio disponibile per la guida rilevando quando e verso quale direzione è possibile viaggiare in tutta sicurezza, così da inviare i giusti input ai vari sistemi installati a bordo. 

Una parte di risorse del progetto UR: BAN è ovviamente riservata all'assistenza elettronica del cambio di corsia. L'obiettivo è quello di mettere in sicurezza la vettura durante una manovra comune in città e nella guida in autostrada, ma che può essere molto pericolosa se effettuata senza la necessaria attenzione.

Se vuoi aggiornamenti su UR: BAN, IL PROGETTO TEDESCO PER LA SICUREZZA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 14 maggio 2014

Vedi anche

Audi, Nvidia e Mobileye: intelligenza artificiale per la guida autonoma

Audi, Nvidia e Mobileye: intelligenza artificiale per la guida autonoma

Audi in collaborazione con i partner NVIDIA e Mobileye prosegue il suo sviluppo relativo all’intelligenza artificiale applicata alla guida autonoma.

Il Gruppo PSA studia la connessione 5G

Il Gruppo PSA studia la connessione 5G

Siglato un accordo di collaborazione con Ericsson ed Orange per un nuovo progetto.

Ford e Toyota: insieme per uniformare le applicazioni bordo

Ford e Toyota: insieme per uniformare le applicazioni bordo

I due colossi collaborano per dar vita ad una piattaforma dedicata alle app.