Nuova Ford Fiesta: chiama da sola i soccorsi

Il sistema Emergency Assistance sarà uno dei punti di forza della Ford Fiesta: in caso di incidente effettua in automatico chiamate di emergenza.

Nuova Ford Fiesta: chiama da sola i soccorsi

Tutto su: Ford Fiesta

di Giuseppe Cutrone

20 novembre 2012

Il sistema Emergency Assistance sarà uno dei punti di forza della Ford Fiesta: in caso di incidente effettua in automatico chiamate di emergenza.

La nuova Ford Fiesta punterà molto sull’elettronica di bordo, facendo leva sul gioiellino di casa Ford, ovvero la piattaforma telematica Ford Sync di cui molto si è parlato nel recente passato.

La compatta americana seguirà l’esempio della sorella maggiore, la nuova Ford Focus, e presenterà tra gli accessori il sistema Emergency Assistance, uno strumento fondamentale in caso di incidente, in quanto capace di effettuare delle chiamate di emergenza in maniera del tutto autonoma, così da diminuire i tempi per l’arrivo dei soccorsi e, in certe occasioni, salvare la vita al conducente e a chi gli sta attorno.

Il sistema Emergency Assistance della Ford Fiesta entrerà in funzione in caso di un incidente di entità tale da far attivare gli airbag o da far entrare in funzione il blocco del pompaggio del carburante (misura utile ad evitare incendi causati dalla fuoriuscita della benzina). Tra le sue peculiarità c’è quella di essere abilitato ad effettuare chiamati ai servizi di emergenza di 40 paesi e di “parlare” in ben 26 lingue diverse.

Emergency Assistance lavora a stretto contatto con altre funzioni di Ford Sync, come ad esempio il sistema GPS integrato che ha il compito di ricavare le coordinate del luogo in cui è avvenuto l’incidente, per poi farle comunicare ai numeri di emergenza tramite il telefonino del conducente (che può comunque interrompere la chiamata automatica nel caso lo desideri) collegato all’impianto tramite Bluetooth.

Secondo Christof Kellerwessel, ingegnere capo sistemi elettrici ed elettronici di Ford Europa, il punto di forza di Emergency Assistance è il fatto di consentire a chi è a bordo di comunicare e chiedere aiuto anche in una lingua diversa dalla propria, eliminando così una barriera che, soprattutto in frangenti delicati come quelli di un sinistro, potrebbe essere decisiva per il salvataggio di eventuali feriti. Il manager ha spiegato infatti che: “La serenità garantita da un sistema che telefona automaticamente ai soccorsi, comunica le coordinate, e parla la lingua corretta in 40 paesi europei, è inestimabile”.

In caso di attivazione della chiamata da parte di Emergency Assistance parte quindi un messaggio registrato a cui vengono aggiunte le coordinate del luogo del sinistro, mentre in un secondo momento viene attivata la funzionalità vivavoce per consentire al conducente o a una persona nelle sue vicinanze di comunicare direttamente con l’operatore per aggiungere ulteriori dettagli.

Il nuovo sistema che sarà presente sulla Ford Fiesta si inserisce in un contesto che vede il 75% dei partecipanti a un apposita indagine (condotta su un campione di 3.000 cittadini francesi, inglesi, italiani, spagnoli, russi e tedeschi) affermare di aver viaggiato in auto in un paese straniero in cui, in caso di incidente, non sarebbe stato in grado di effettuare una chiamata d’emergenza parlando la lingua locale, con evidenti problemi nel richiedere un pronto intervento da parte del personale addetto al soccorso.