Kinetic Drive System: un’idea dimezza i consumi

Il Kinetic Drive System di Leonardo Grieco, l’idea che promette di dimezzare consumi ed emissioni delle automobili.

Si chiama Kinetic Drive System (KDS) e promette di essere un'invenzione particolarmente gradita in tempi come questi in cui il prezzo dei carburanti aumenta quotidianamente senza che nessuna autorità cerchi in qualche modo di porvi rimedio.

Si tratta di un sistema che, una volta installato, provvede a disaccoppiare il motore dal cambio e mettendo di fatto l'auto in folle, esattamente come accade ogni volta che si preme il pedale della frizione, che peraltro sparisce del tutto in una vettura così modificata.

Il dispositivo entra in azione ogni volta che si solleva il piede dall'acceleratore, interpretando questo movimento come il segnale che l'ausilio del motore non è in quel momento necessario. In questo modo si riescono a percorrere interi tratti di strada con il motore che gira al minimo e senza che si generino i tipici attriti interni al propulsore quando questo rimane collegato alle ruote pur non fornendo alcuna spinta.

Il motore può poi essere accoppiato nuovamente al cambio premendo l'acceleratore o, in alternativa e in caso serva l'effetto del freno motore, si può riattivare la normale trazione mediante un tasto appositamente installato nell'abitacolo.

Il Kinetic Drive System può essere montato su qualsiasi modello dotato di cambio manuale e frizione a comando idraulico ed è in grado, secondo il suo ideatore, di garantire una riduzione dei consumi del 50% e delle emissioni pari al 60%, mentre l'usura del motore scende dell'80% rispetto a un sistema di trasmissione tradizionale come quelli installati in origine dai costruttori.

Nonostante il nome inglese, come globalizzazione impone, l'invenzione è tutta italiana ed è opera del meccanico varesino Leonardo Grieco, che ha brevettato la sua idea in Svizzera e l'ha installata sulla sua Skoda Octavia Wagon, modello sul quale afferma di riuscire a fare ben 30 chilometri al litro proprio grazie al suo sistema.

L'idea alla base è molto interessante, anche se dalle prime prove effettuate sembra che l'utilizzo di un'auto dotata del Kinetic Drive System richieda una certa "assuefazione" da parte del guidatore, che viene chiamato a modificare il proprio stile di guida centellinando con precisione le pressioni e gli alleggerimenti sul pedale dell'acceleratore necessari al funzionamento del sistema, che costa circa 2.000 euro tutto compreso, cioè incluse le circa tre ore di manodopera necessarie per il montaggio.

Per quanto riguarda uno sbarco sul mercato della produzione di serie di una simile tecnologia non ci sono certezze, anche se Grieco ha dichiarato di aver proposto la sua invenzione ad alcune case automobilistiche, tra cui Fiat e Ferrari, che al momento, però, sembra siano rimaste indifferenti.

 

Se vuoi aggiornamenti su KINETIC DRIVE SYSTEM: UN’IDEA DIMEZZA I CONSUMI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 15 marzo 2012

Vedi anche

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Anche se la tecnologia sarà sempre più presente, le auto della casa di Zuffenhausen saranno auto da guidare.

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza

Volvo Serie 90: aggiornamenti powertrain, multimediali e di sicurezza

Novità per Volvo S90 e V90, XC90 e V90 Cross Country: debuttano nuove trasmissioni, sistemi di guida predittiva e infotainment.