Auto elettriche: in futuro batterie al litio-aria

Dall’Ibm la soluzione per aumentare l’autonomia degli accumulatori al litio: consentiranno di fare 800 chilometri con una carica.

La breve durata delle batterie agli ioni di litio è uno degli ostacoli alla diffusione dei veicoli elettrici che le utilizzano nell'alimentazione. Sembra che l'Ibm, azienda statunitense leader nel campo informatico, abbia trovato una soluzione a questo problema grazie agli studi portati avanti dal progetto Battery500 Project.

I nuovi accumulatori di energia andranno ad aria: se infatti le batterie al litio tradizionali contengono ossidi di metallo nell'elettrodo positivo, le celle della loro evoluzione sfrutteranno il carbonio, che a contatto con l'ossigeno produce corrente elettrica. La densità energetica generata, secondo le previsioni, potrebbe essere fino a 1.000 volte maggiore di quella degli attuali accumulatori.

Per i tecnici Ibm, le batterie litio-aria saranno in grado di consentire ai veicoli elettrici un'autonomia di 800 chilometri circa per ogni carica. La nascita dei primi prototipi è prevista entro il 2013, ma per la diffusione sul mercato bisognerà aspettare il 2020. Tra gli inconvenienti tecnologici cui porre rimedio prima di commercializzare i nuovi accumulatori c'è l'instabilità chimica delle celle litio-aria, che potrebbe essere risolto grazie a un nuovo solvente elettrolitico in grado di ridurre la dispersione energetica.

Se vuoi aggiornamenti su AUTO ELETTRICHE: IN FUTURO BATTERIE AL LITIO-ARIA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Eleonora D'Uffizi | 17 gennaio 2012

Vedi anche

Guida autonoma: Intel crea l

Guida autonoma: Intel crea l'Automated Driving Group

Intel investe sulla guida autonoma e annuncia la nascita di una divisione dedicata che si chiamerà Automated Driving Group.

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

Bmw: nel 2021 la prima auto autonoma al 100%

La Casa dell’elica ha dichiarato che lancerà la sua prima vettura 100% a guida autonoma con intelligenza artificiale nel 2021.

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

EuroNcap 2016: ecco i risultati degli ultimi crash test

Massima valutazione per 4 modelli su 9; sempre più netto il divario fra vetture "di serie" e quelle dotate del "safety pack" richiesto da Ncap.