Pneumatici: 100mila tonnellate in discariche abusive

Uno studio di Legambiente e di Ecnopneus mostra che in Italia ogni anno vengono abbandonate abusivamente tonnellate di pneumatici usati

Pneumatici: 100mila tonnellate in discariche abusive

di Andrea Barbieri Carones

04 novembre 2010

Uno studio di Legambiente e di Ecnopneus mostra che in Italia ogni anno vengono abbandonate abusivamente tonnellate di pneumatici usati

Ogni anno l’Italia viene sommersa da pneumatici per auto. Tutte le “gomme” di scarto, infatti, vengono disperse nell’ambiente in luoghi non autorizzati: un dossier di Legambiente e Ecopneus (la società consortile attiva nel recupero e nel trattamento degli pneumatici auto usati) mostra che potrebbe ammontare fino a 100.000 tonnellate – ossia circa un quarto di quelli messi in commercio ogni anno – questa inquinante “montagna”, distribuita su ben 1.049 discariche illegali.

Un disastro ambientale sì, ma non solo. Anche economico, visto che è stato calcolato che la perdita per lo Stato sarebbe di circa 143,2 milioni di euro l’anno, tra mancato pagamento dell’Iva sulle vendite (140 milioni di euro) e sugli smaltimenti (3,2 milioni), cui si aggiungono i mancati ricavi degli impianti di trattamento e i costi di bonifica delle discariche abusive.[!BANNER]

Naturalmente ci sono zone in Italia dove tale fenomeno è più rilevante: è il caso di PugliaCampania, Calabria e Sicilia dove si concentra più del 63% delle discariche abusive, per una superficie complessiva pari al 70,4% di quella sequestrata in tutta Italia.

In testa la Puglia (ma forse sarebbe meglio dire “in ultima posizione”) con il 22% del totale nazionale. Tra le regioni del centro, il Lazio vanta questo triste primato mentre al nord è il Piemonte, patria dell’industria automobilistica nazionale.