Veicoli blindati leggeri LAV di Iveco: preferiti anche dalle forze armate norvegesi

Consegnato a Bolzano l’ultimo lotto (62 unità) di Light Armoured Vehicle realizzati da Iveco Defence Vehicles, quarta generazione della lineup basata sul Veicolo Leggero Multiruolo ulteriormente migliorato.

Veicoli blindati leggeri LAV di Iveco: preferiti anche dalle forze armate norvegesi

di Francesco Giorgi

07 febbraio 2018

Un nuovo veicolo blindato leggero per le forze armate norvegesi. Si tratta di una ulteriore tranche della fornitura di LAV-Light Armoured Vehicle prodotti da Iveco Defence Vehicles – Divisione di CNH Industrial -, 62 unità dei quali sono stati consegnati nelle scorse ore alla NDMA, ovvero l’Agenzia norvegese per i Materiali della Difesa. Il “passaggio di consegne” è avvenuto presso il quartier generale di Bolzano, alla presenza di Morten Eggen, generale di brigata e responsabile della Divisione Sistemi Terrestri per la NDMA.

Nel dettaglio, questa nuova fornitura rappresenta il quarto ordinativo di LAV richiesto dalle forze armate della Norvegia, che già impiegano i LAV nelle missioni all’estero. Oltre all’esercito della Norvegia, i veicoli leggeri Multiruolo Iveco by CNH Industrial, finora venduti in oltre 4.000 unità, sono gli automezzi più gettonati nella propria categoria in Europa; fra le Nazioni clienti, ci sono Albania, Austria, Belgio, Croazia, Italia, Libano, Norvegia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Spagna e Tunisia.

La quarta generazione del LAV viene allestita proprio sulla base del Veicolo Leggero Multiruolo, nel quale vengono effettuate le modifiche richieste dal committente (fra le quali si segnalano un sistema di filtrazione dell’aria ancora più efficace e una nuova trasmissione).

Sulla scorta dell’ampio expertise ottenuto “sul campo”, l’Iveco Multiruolo offre inoltre maggiori capacità di carico utile, prestazioni ed affidabilità. Il “pacchetto” di novità comprende un re-engineering della cellula abitacolo, sviluppato in funzione di un complessivo miglioramento ergonomico, attraverso sedili aggiornati nel disegno, cruscotto e plancia di nuova generazione e un rinnovato hard-top: tutte innovazioni che contribuiscono ad aumentare in manoiera considerevole il volume utile dell’abitacolo.