Top Gear, cosa è accaduto tra Jeremy Clarkson e il produttore

Tutta la verità sulla rissa tra il conduttore e il produttore della trasmissione rivelata da un tabloid inglese.

Torna alla ribalta il caso di Jeremy Clarkson, sospeso dalla conduzione di Top Gear dalla BBC per una rissa che il conduttore avrebbe avuto con il produttore del programma. Mentre sui social spopola l'hashtag #BringBackClarkson i tabloid inglesi fanno trapelare qualche indiscrezione sulla rissa che ha visto coinvolto il produttore di Top Gear Oisin Tymon e Clarkson.

Stando a quanto raccontato da Tymon al momento della rissa assieme a loro c'erano anche Richard Hammond e James May, quest'ultimo però ha smentito di essere presente al momento in cui si sono svolti i fatti.

A parte questo, Tymon avrebbe ricevuto un pugno da Jeremy Clarkson che piuttosto ubriaco lo insultava chiamandolo "pigro irlandese di m***a". Il conduttore di Top Gear però nega di aver pronunciato frasi simili. Sempre secondo quanto raccontato dal DailyRecord, subito dopo la rissa Oisin sarebbe stato trasportato all'ospedale di Northallerton e Clarkson sarebbe rientrato al bar.

Al momento la verità è lontana e la BBC sta investigando, nonostante la sospensione della trasmissione sia già costata 4 milioni di telespettatori, il network inglese ha deciso di sospendere anche per il prossimo 22 marzo lo show.

 

Se vuoi aggiornamenti su TOP GEAR, COSA È ACCADUTO TRA JEREMY CLARKSON E IL PRODUTTORE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 17 marzo 2015

Vedi anche

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore

Valentino Rossi continua anche dopo il 2018?

Valentino Rossi continua anche dopo il 2018?

Il Dottore: "Sono già in paranoia all'idea di dover smettere"

Fiat 124 Spider VS Mazda MX-5: il parere di Jeremy Clarkson

Fiat 124 Spider VS Mazda MX-5: il parere di Jeremy Clarkson

Il celebre conduttore ex Top Gear si schiera a favore della giapponese