L'Università dei motori è realtà in Emilia-Romagna

4 atenei, Bologna, Ferrara, Parma e Modena-Reggio, danno la possibilità di specializzarsi in Advanced Automotive Engineering o Electronic Engineering

E' già stata ribattezzata l'Università dei Motori. Si tratta di un progetto che tocca 4 atenei italiani della cosiddetta motor valley, Bologna, Parma, Ferrara e Modena-Reggio, che danno l'opportunità di specializzarsi in Advanced Automotive Engineering o Electronic Engineering.

Le iscrizioni sono aperte da lunedì, si tratta di due corsi di laurea magistrale in inglese nati in collaborazione con 8 grandi marche: Ferrari, Ducati, Lamborghini, Dallara, Haas, Toro Rosso, Maserati e Magneti Marelli.

Il bando per la selezione degli ingegneri con laurea triennale sarà lanciato a breve. L'obiettivo è formare dei professionisti in grado di sviluppare auto di fascia alta e da competizione.

Il progetto Muner, acronimo di Motorvehicle University of Emilia Romagna, ha incontrato l'appoggio di Claudio Domenicali, ad di Ducati. "In Emilia-Romagna ci sono le radici della storia dei motori italiana ed è qui che i ragazzi devono venire a studiare motori. Vogliamo ricucire la distanza tra aziende ed università".

Soddisfattissimo anche Francesco Ubertini, rettore dell'Università di Bologna: "Vogliamo portare qui i migliori studenti e docenti del mondo".

 

Se vuoi aggiornamenti su L'UNIVERSITÀ DEI MOTORI È REALTÀ IN EMILIA-ROMAGNA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 21 marzo 2017

Vedi anche

Due morti alla Targa Florio: rally annullato

Due morti alla Targa Florio: rally annullato

Le vittime sono il pilota messinese Mauro Amendolia ed il commissario di gara Giuseppe Laganà

Formula E a Roma ad aprile 2018

Formula E a Roma ad aprile 2018

Via libera dal Campidoglio: per un triennio la competizione approderà nella Capitale

Incidente in Formula 4, Billy Monger perde entrambe le gambe

Incidente in Formula 4, Billy Monger perde entrambe le gambe

Il giovanissimo pilota inglese, 17 anni, si è scontrato con la vettura di Patrik Pasma