Guidi con il braccio fuori dal finestrino? Ecco perché la multa è giustificata

Ci sono tre articoli del codice della strada che vietano un comportamento adottato da molti automobilisti

Guidare con un braccio fuori dal finestrino. Un comportamento adottato da molti automobilisti, che però può essere pericoloso e potrebbe anche essere sanzionato con una multa di 168 euro.

Potrebbe. Sì, usiamo il condizionale perché a tal proposito il codice della strada non è chiaro, ma, come sottolinea lo studio Cataldi, ci sono ben tre articoli del cds che vieta questo tipo di condotta.

Parliamo degli articoli 140, 141 e 173. I primi due articoli dicono che l'automobilista deve tenere una condotta che non sia pericolosa per sé e per gli altri.

"Gli utenti della strada devono comportarsi in modo da non costituire pericolo o intralcio per la circolazione ed in modo che sia in ogni caso salvaguardata la sicurezza stradale", dice in particolare l'articolo 140.

Il comma 2 dell'articolo 141 afferma che: "Il conducente deve sempre conservare il controllo del proprio veicolo ed essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l'arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile".

L'articolo 173 è più generico rispetto a questo tema. Parla del divieto di uso di apparecchi radiotelefonici mentre si è alla guida. Il codice della strada, in tal senso, prescrive, però, che entrambe le mani debbano essere al volante. Divieto, anche in questo caso, del braccio lontano dal volante. Poco importa se la mano prende aria all'esterno del finestrino oppure stringe uno smartphone.

 

Se vuoi aggiornamenti su GUIDI CON IL BRACCIO FUORI DAL FINESTRINO? ECCO PERCHÉ LA MULTA È GIUSTIFICATA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 05 settembre 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano