"Se il parchimetro non ha il Pos, le strisce blu sono gratis"

Dal 1° luglio è scattato l’obbligo per i comuni, di adeguare i dispositivi al pagamento tramite carta di debito o credito

Se il parchimetro delle strisce blu non ha il bancomat, i cittadini possono sentirsi legittimati a non pagare nulla e sostare gratis. Dallo scorso primo luglio, infatti, è scattato l’obbligo che è stato imposto dalla legge di stabilità 2016, per i comuni, di adeguare i dispositivi al pagamento con bancomat  e carta di credito.

Come precisa lo Studio Cataldi: "Il comma 901 della legge, con il fine di incentivare i pagamenti elettronici, prevede infatti, dal 1° luglio 2016, le disposizioni di cui al comma 4 dell'art. 15 del d.l. n. 179/2012, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 221/2012, si applicano anche ai dispositivi di cui alla lettera f) del comma 1 dell'articolo 7 del codice della strada” ovvero ai dispositivi di controllo di durata della sosta che avranno l’obbligo di accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito e carte di credito”.

 

Gli automobilisti, quindi, in mancanza dei dispositivi attrezzati col bancomat potranno ritenersi autorizzati a parcheggiare gratis e senza il rischio di essere multati - scrive lo Studio Cataldi -, sia per le "casse" dei (molti) comuni che non si sono ancora adeguati, salvo che non dimostrino, come prevede la novella apportata al dl 179/2012, dalla stessa legge di stabilità, di non aver potuto ottemperare all'obbligo per 'oggettiva impossibilità tecnica’.”.

Se vuoi aggiornamenti su "SE IL PARCHIMETRO NON HA IL POS, LE STRISCE BLU SONO GRATIS" inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 13 luglio 2016

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore