Multe, ecco a chi vanno i soldi

Ecco che fine fa il danaro che paghiamo per le sanzioni

Le multe infastidiscono il cittadino non solo per l'esborso monetario a cui è chiamato, ma anche perché, in genere, non sa che fine fa il denaro versato.

Proviamo a fare chiarezza su questo punto. Innanzitutto, dipende dall'autorità che spicca la sanzione.

Se l'ente in questione è uno fra Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, funzionari delle Ferrovie dello Stato o altri corpi statali, allora i soldi finiscono nelle casse del ministero dei trasporti, che dovrà utilizzarli per campagne sulla sicurezza stradale. Il 7,5% invece va al ministero dell'istruzione, il quale gestisce i fondi per finanziare l'educazione stradale nelle scuole.

I soldi delle sanzioni elevate nelle ore notturne finiscono invece in un fondo speciale per i sinistri avvenuti di notte.

Vanno a Comune e Province, rispettivamente, i soldi delle multe spiccate da Polizia Municipale e Provinciale.

In questo caso, è l'articolo 208 del codice della strada specifica gli ambiti d'investimento del 50% dei soldi. Metà dei quali destinati alla manutenzione stradale ed alla cartellonistica, e metà ad attività connesse alla sicurezza stradale. Per l'altro 50%, il cds lascia gli enti liberi di utilizzaare i fondi come meglio credono.

Discorso diverso per i soldi delle multe spiccate attraverso l'autovelox. Metà finiscono nelle casse dell'ente proprietario delle strade e l'altra metà all'organo accertatore.

 

 

 

 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su MULTE, ECCO A CHI VANNO I SOLDI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 22 giugno 2016

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore