La Ferrari FXX K vince il Compasso d'Oro

Il gioiello di Maranello premiato per il suo design. "Il Centro Stile Ferrari team formidabile"

Nuovo riconoscimento per la Ferrari. La FXX K ha infatti vinto il Compasso d'Oro, considerato il più autorevole premio mondiale di design. Il gioiello di Maranello fa parte del lotto dei 13 prodotti scelti dalla giuria dell'edizione 2016.

La vettura è stata realizzata dal Centro Stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni. "Un team formidabile" dalla "grande artigianalità industriale". Un lavoro che "rispecchia i valori della Ferrari e del Made in Italy".

Per la sezione motori, menzioni d'onore anche per Ducati Monster 1200 e Vespa 946. Premi alla carriera per i designer Ron Arad e Ugo La Pietra.

Nato nel 1954 da un'idea di Gio Ponti, il Compasso d'Oro fu per anni organizzato dai grandi magazzini la Rinascente, allo scopo di mettere in evidenza il valore e la qualità dei prodotti del design italiano allora ai suoi albori.

Con un'iniziativa che non ha precedenti nell'ambito del design internazionale il Ministero dei Beni Culturali - Soprintendenza Regionale per la Lombardia, con Decreto del 22 Aprile 2004, ha dichiarato "di eccezionale interesse artistico e storico" la Collezione Storica del Premio Compasso d'Oro ADI, inserendola conseguentemente nel patrimonio nazionale.

 

Se vuoi aggiornamenti su LA FERRARI FXX K VINCE IL COMPASSO D'ORO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 16 giugno 2016

Vedi anche

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

"Mentre cercava di superare i limiti dell’intelligenza artificiale, Devbot2 ha avuto un incidente nessun pilota è rimasto ferito"

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

L'indiscrezione su Twitter rilasciata da Dan Prosser

Nurburgring, i migliori momenti del 2016

Nurburgring, i migliori momenti del 2016

Drift, incidenti e clamorosi errori: la clip che raccoglie il meglio (e il peggio) di quanto visto sullo storico circuito tedesco