Ferrari 365 GT4 BB: l'auto che il Drake non voleva costruire

La storia della prima Ferrari con motore 12 cilindri in posizione centrale.

Ferrari 365 GT4 BB: la storia nella immagini

Altre foto »

"Mai mettere il carro davanti ai buoi". Con questa massima Enzo Ferrari si era sempre rifiutato di progettare vetture stradali con motore centrale, privilegiando invece il motore anteriore, dove "i buoi" si trovano davanti al carro, ovvero il telaio. Questo almeno fino al 1973, quando la Ferrari produsse le prime "BB", acronimo che sta per "Berlinetta Boxer", e in particolare la 365 GT4 BB, che era stata presentata due anni prima al Salone dell'Auto di Torino.

La particolarità dei modelli BB è di essere i primi progettati direttamente in Ferrari con il propulsore a 12 cilindri in posizione centrale posteriore, cioè dietro i sedili. Bisogna ricordare che pochi anni prima la Ferrari aveva prodotto la Dino (nelle versioni 206 GT e 246 GT) con motore centrale posteriore, ma si trattava di un progetto realizzato in collaborazione con Fiat e l'unità aveva solo 6 cilindri.

Il "cuore" della 365 GT/4 BB era un motore 12 cilindri di nuova concezione, identificato dalla sigla di progetto F102 AB 00, in grado di erogare 380 CV. La forma piatta del propulsore è all'origine della denominazione "boxer", cioè a cilindri contrapposti, ma in realtà la presenza di due bielle sulla stessa manovella fanno classificare questo propulsore come motore a V di 180 gradi. Posizionato longitudinalmente, l'unità incorporava anche la trasmissione a 5 rapporti (ubicata sotto l'albero motore), mentre la lubrificazione era a Carter umido. Il vantaggio del motore centrale, posizionato tra gli assi delle ruote e non a sbalzo, è di concentrare le masse all'interno del passo della vettura, ottenendo un miglior bilanciamento.

Il design era innovativo per l'epoca, grazie alla presa d'aria che occupa l'intera sezione inferiore del frontale e ai gruppi ottici retrattili, che scompaiono negli appositi alloggiamenti contribuendo a rendere pulita la linea. Nella parte posteriore la coda raccolta, corta e verticale, ospita un'appendice Aerodinamica in nero satinato. Il telaio era realizzato in acciaio, mentre i pannelli delle porte e il cofano erano in alluminio. La 365 GT4 BB fu la prima Ferrari ad essere dotata di ruotino di scorta salvaspazio invece che di una ruota di dimensioni normali.

La Ferrari 365 GT4 BB fu prodotta in 387 esemplari tra il 1973 e il 1976. A partire da questo modello, la Ferrari ha prodotto diverse altre sportive a motore centrale, come la 512 BB, la 308, la Mondial, la 288 GTO, la 348, la Testarossa, per arrivare alle più recenti F430, 458 Italia e 488 GTB.

Se vuoi aggiornamenti su FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Andrea Tomelleri | 27 maggio 2016

Altro su Ferrari

Ferrari Land: apre il primo parco divertimenti del Cavallino in Europa
Eventi

Ferrari Land: apre il primo parco divertimenti del Cavallino in Europa

Ferrari Land si estende su 70.000 metri quadri ed offre attrazioni hi-tech all’insegna della passione per il Cavallino.

Una Ferrari 458 Spider per i vigili di Milano
Curiosità

Una Ferrari 458 Spider per i vigili di Milano

La supercar del Cavallino Rampante, sequestrata alla criminalità organizzata, verrà utilizzata dai vigili di Milano per insegnare la legalità.

Ferrari: iniziate le celebrazioni per i 70 anni
Curiosità

Ferrari: iniziate le celebrazioni per i 70 anni

Il 12 marzo del 1947 Enzo Ferrari mise in moto la 125 S, prima vettura della Casa del Cavallino Rampante.