Reid Bigland nuovo ad di Alfa Romeo

Il nuovo amministratore delegato prenderà il posto di Harald Wester in carica da gennaio 2010.

Cambiano i vertici di Alfa Romeo e Maserati. Sarà Reid Bigland il nuovo amministratore delegato che prende il posto di Harald Wester in carica da gennaio 2010 e che da adesso sarà responsabile tecnico dello sviluppo prodotto (Chief technology officer).

Il neo A.D. ha 48 anni, doppia cittadinanza statunitense e canadese e in passato ha ricoperto ruoli importanti nel gruppo come Head of NAFTA Fleet, Head of Alfa Romeo brand, presidente e ad di FCA Canada e responsabile vendite FCA negli Stati Uniti.

 

"Sono grato ad Harald per il lavoro svolto negli ultimi anni nel creare una solida struttura tecnica per i nostri due marchi premium, lavoro culminato nei recenti lanci del Maserati Levante e dell'Alfa Romeo Giulia. - ha detto Marchionne a proposito della nuova nomina- E’ ora giunto il momento di indirizzare i nostri sforzi verso l'espansione commerciale a livello globale di questi due marchi e sono convinto che Reid sia la persona migliore per portare a termine questa missione. Negli ultimi sette anni, Reid è riuscito ad ottenere risultati straordinari a livello di crescita delle vendite e della quota di mercato negli Stati Uniti e in Canada, gestendo allo stesso tempo la crescita e il posizionamento dei marchi Ram e Dodge".

Se vuoi aggiornamenti su REID BIGLAND NUOVO AD DI ALFA ROMEO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 25 maggio 2016

Vedi anche

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore

Valentino Rossi continua anche dopo il 2018?

Valentino Rossi continua anche dopo il 2018?

Il Dottore: "Sono già in paranoia all'idea di dover smettere"

Fiat 124 Spider VS Mazda MX-5: il parere di Jeremy Clarkson

Fiat 124 Spider VS Mazda MX-5: il parere di Jeremy Clarkson

Il celebre conduttore ex Top Gear si schiera a favore della giapponese