In Svezia la prima autostrada elettrica del mondo

A Gävle una lingua d'asfalto di 2 km che potrebbe rivoluzionare il mondo dei trasporti

Immaginate cosa sarebbe il mondo dei trasporti con strade elettriche. Camion che percorrono l'asfalto non grazie al comune carburante, ma attraverso l'elettricità condotta dai cavi dell'alta tensione.

Fantascienza? Non proprio. Perché in questi giorni a Gävle, città della Svezia centrale, alcuni autocarri della Scania stanno testando un tratto di 2 km dell'autostrada E 16, deputato al trasporto dei mezzi pesanti tramite fili elettrici.

La tecnologia adottata prende il nome di trasmissione elettrica conduttiva, è sviluppata dalla Siemens, stessa azienda che ha curato il progetto della E16.

"Il nostro obiettivo è quello di dire basta al combustibile fossile per il trasporto dei mezzi pesanti ed adottare l'elettricità" ha spiegato Magnus Ernström, direttore del progetto "siamo stati i primi al mondo ad utilizzare questa tecnica, crediamo e speriamo di poterla sfruttare nel migliore modo possibile. Sta a noi riuscirci".

Christer Thoréen, della Hybrid Systems Development unit di Scania aggiunge alcuni dati ed un sogno. "Con le autostrade elettriche ogni camion consuma tra l'80 ed il 90% in meno di combustibile fossile e risparmia il 50% di energia rispetto ad un veicolo alimentato normalmente. Se il progetto dovese andare in porto, si potrebbe pensare ad autostrade con più corsie dedicate al trasporto elettrico. I camion possono viaggiare come veicoli ibridi lungo le strade normali ed avvalersi della energia verde sui tratti serviti dalla trasmissione elettrica conduttiva".

 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su IN SVEZIA LA PRIMA AUTOSTRADA ELETTRICA DEL MONDO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 24 maggio 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano