La Ferrari vola in Cina

Raikkonen primo e Vettel secondo nelle libere, la Mercedes è dietro

Buone notizie dalla Cina per i colori Ferrari. Le rosse volano a Shanghai, dove conquistano i primi due tempi nelle prove libere. Raikkonen il più veloce, alle sue spalle Vettel.

La Mercedes è costretta ad inseguire. Terzo tempo per Rosberg, quarto per Hamilton. La distanza fra i quattro è minima, pochi decimi, ma ce n'è abbastanza per far scattare un pizzico di ottimismo nella scuderia italiana.

Anche perché Lewis Hamilton (per lui, ricordiamo, cinque posizioni di penalità in griglia per il cambio rotto sostituito in Bahrain) ha mostrato qualche imbarazzo, a differenza del suo compagno di squadra, apparso più a suo agio con la nuova vettura.

Felicità, almeno per il momento, alla Ferrari. La nuova vettura risponde bene e Sergio Marchionne, che assisterà al gp dal vivo, è pronto a suonare la carica.

Domani è prevista pioggia. Qualifiche dunque sul bagnato e con le stesse regole del 2015. Insomma, può accadere di tutto.

Intanto, Fernando Alonso è ritornato abile e arruolabile. Il pilota asturiano ha ricevuto il via libera dalla commissione medica dopo l'incidente occorsoglio durante il primo gp della stagione.

 

Se vuoi aggiornamenti su LA FERRARI VOLA IN CINA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 15 aprile 2016

Vedi anche

Il foglio unico sostituirà il libretto di circolazione: si risparmiano 39 euro

Il foglio unico sostituirà il libretto di circolazione: si risparmiano 39 euro

Le attività di Pra e Motorizzazione saranno messe insieme: via libera al documento che sostituisce libretto e certificato di proprietà

In vendita la Porsche 911 turbo indistruttibile: 1 milione di km!

In vendita la Porsche 911 turbo indistruttibile: 1 milione di km!

La vettura, immatricolata nel 2002, costa solo 18mila dollari

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Nissan Navara, il pick-up giapponese si spezza in due?

Alcuni possessori del Nissan Navar hanno denunciato gravi problemi strutturali sul pick-up giapponese che potrebbe letteralmente spezzarsi in due.