'VedoTuttor', il sistema di controllo che non lascia scampo

Si chiama Morpho ed è un super poliziotto elettronico in grado di sanzionare qualsiasi comportamento scorretto degli automobilisti.

Il suo nome è Morpho e a Dubai è stato già ribattezzato “VedoTuttor” per le capacità multiple che possiede rispetto ai tradizionali tutor.

Questo innovativo strumento, infatti, è in grado di trasformarsi e di compiere diverse attività e monitorare le infrazioni più comuni tra le quali il controllo del superamento dei limiti di velocità, differenziati per tipo di veicolo, il sorpasso in zona vietata e il passaggio al semaforo rosso.

Gli occhi elettronici di Morpho riescono a leggere in modo istantaneo le targhe per farne un controllo in tempo reale con quelle rubate o prive di assicurazione. Inoltre, riescono a valutare la traiettoria dell’auto o del ciclomotore riuscendo cosi a sanzionare le manovre vietate tra le quali, addirittura, il non mantenimento della distanza di sicurezza. Una sorta di super poliziotto sempre attivo e pronto a punire i comportamenti scorretti degli automobilisti. 

 

Il “vedo tuttor” è attualmente in fase di omologazione da parte del Governo Francese che ha intenzione di installarlo nelle zone con un alto tasso di incidenti stradali.

Se vuoi aggiornamenti su 'VEDOTUTTOR', IL SISTEMA DI CONTROLLO CHE NON LASCIA SCAMPO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 13 aprile 2016

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore