Moto Gp, Valentino Rossi pronto al riscatto

"Ora basta errori". Le dichiarazioni del Dottore sul Motomondiale che verrà

Valentino Rossi è pronto al riscatto. Anche se l’anno scorso partiva con il doppio dei punti di oggi, il dottore dice di non essere preoccupato: "Facciamo un primo bilancio. In Qatar sono andato bene, ero lì: quarto. In Argentina ho avuto fortuna, è vero: secondo. Qui in Texas poteva essere una gara bellissima. L'assetto della Yamaha è buono, e con le Michelin mi trovo bene: solo che gomme così non ti perdonano il minimo errore”.

Il numero 46, infatti, da marzo è caduto ben 3 volte tra prove e gara: "Con le Bridgestone non perdevi mai il controllo. Anche le Michelin sono veloci, ma dobbiamo imparare tutti a gestirle meglio”.

Ma non è l’unico: "Lo avevo detto: nei primi gran premi ci sarà grande incertezza, vincerà chi saprà adattarsi per primo a gomme e centralina comune. Voi dite che Marc c'è già riuscito? Non lo so, vedremo tra 2 settimane a Jerez de la Frontera”.

Per quanto riguarda la sua M1, Valentino, dice di trovarsi davvero bene: “In Texas non sono mai andato così forte come in questi giorni: ho fatto delle buone prove, ho chiuso terzo nelle qualifiche e il warm della domenica mattina era stato entusiasmante. Ero forte in staccata, c'era grip. Però bisogna lavorare sul 'pacchetto' moto e adattarlo meglio alle Michelin, tutto qui”. 

 

Rossi si dice fiducioso. “Adesso andiamo in Europa, ci sono circuiti in cui le Yamaha fanno la differenza. L'importante sarà con commettere errori, neppure piccoli. Non posso più permettermelo”.

Se vuoi aggiornamenti su MOTO GP, VALENTINO ROSSI PRONTO AL RISCATTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 11 aprile 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano