All'asta la Ferrari 340 Barchetta del 1951

L'auto verrà venduta all'asta il prossimo 14 maggio a Montecarlo

All’asta organizzata da RM Sotheby del prossimo 14 maggio a Montecarlo, insieme ad altri esemplari della migliore produzione del passato della Ferrari, verrà proposta una delle più rare macchine del Cavallino Rampante da competizione. 

Si tratta della terza tra le 23 unità della serie 340 America che sono state prodotte tra il 1951 e il 1952 meglio conosciuta anche come Ferrari 340 Barchetta.

L’auto si trova in perfette condizioni, sia meccaniche che di carrozzeria ed è completa di tutte le certificazioni previste per poter avere valore storico agonistico.

Tra le caratteristiche della Barchetta troviamo un telaio 0116/A, motore 004/A e una scatola del cambio 9A, corredata da un motore V12 di 4,1 litri da 317 Cv alimentato da tre carburatori Webere 40 DCF. L’auto è stata recentemente restaurata e portata alle condizioni di gara.

 

Non è ancora stato stimato un prezzo di valore per questo esemplare ma analizzando le altre vendite di auto storiche del Cavallino alle aste si pensa che questa Ferrari 340 America Barchetta Touring del 1951 possa avere un valore molto molto importante.

Se vuoi aggiornamenti su ALL'ASTA LA FERRARI 340 BARCHETTA DEL 1951 inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 07 aprile 2016

Vedi anche

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Un ex dipendente di una concessionaria di Palm Beach denuncia l'azienda: "Contachilometri portati all'indietro per vendere a prezzo più alto"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

"Mentre cercava di superare i limiti dell’intelligenza artificiale, Devbot2 ha avuto un incidente nessun pilota è rimasto ferito"

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

L'indiscrezione su Twitter rilasciata da Dan Prosser