Carmelo Ezpeleta, Manolas Limpias ne chiede l'arresto

Il sindacato si sarebbe costituito parte civile nel processo al capo della Dorna Sports per una frode di 70 milioni di euro.

Il sindacato dei funzionari pubblici Manos Limpias ha chiesto il carcere per Carmelo Ezpeleta a capo della Moto Gp. Come riporta La Repubblica, infatti, il sindacato si sarebbe costituito parte civile nel processo al capo della Dorna Sports chiedendo la carcerazione preventiva per via della “gravità e reiterazione di fatti” e per il “pericolo di fuga all’estero”.

Mans Limpias aveva già denunciato negli anni scorsi Ezpeleta per una mancanza di 4 milioni di incassi dovuta ad un sistema di biglietti a doppia matrice. In questo caso, il quotidiano parla di una frode di 70 milioni di euro.

Inoltre, Carlo Bottero, il titolare di Sel che curava i trasporti nel mondo della Dorna avrebbe rivelato un sistema che faceva eludere l’Iva spagnola: “Ero costretto normalmente a fare riferimento all’indirizzo di Amsterdam ma in realtà tutto passava per gli uffici della Dorna a Barcellona e Madrid. Non ci stavo e mi hanno fatto fuori”.

 

Sul Ceo della Dorna oltre alla richiesta di arresto preventivo pende anche una multa da 3.9 milioni di euro dello scorso marzo per mancato pagamento di oltre 25 milioni di euro di tributi nel biennio 2003/04.

Se vuoi aggiornamenti su CARMELO EZPELETA, MANOLAS LIMPIAS NE CHIEDE L'ARRESTO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 30 marzo 2016

Vedi anche

La Ferrari F430 diventa limousine: sequestrata ad Isernia

La Ferrari F430 diventa limousine: sequestrata ad Isernia

All'esterno sembra un prodotto di Maranello, ma all'interno è 'solo' una Peugeot

Motore Diesel Full Gas: funziona davvero?

Motore Diesel Full Gas: funziona davvero?

Una invenzione che potrebbe rivoluzionare la mobilità alternativa, ma non mancano alcuni punti oscuri.

Alfa Romeo 4C Spider, la sua storia finirà nel 2020?

Alfa Romeo 4C Spider, la sua storia finirà nel 2020?

Secondo indiscrezioni, il biscione avrebbe deciso di stoppare la produzione, ecco il motivo