Usavano un chip per violare i sistemi di allarme, arrestati

Un minuscolo chip consentiva loro di violare i più sofisticati sistemi di allarme.

Un dispositivo elettronico più piccolo di una moneta da 2 centesimi di euro è stato sequestrato dagli agenti della Polizia di Stato della squadra di polizia giudiziaria della stradale di Roma in un garage di una casa rurale di Palombara Sabina alle porte della Capitale.

 

Questo minuscolo aggeggio, se usato correttamente, è in grado di accendere un’auto in pochi secondi. Il chip, infatti permette di violare numerosi sistemi di allarme che non permettono l’accensione del motore se non c’è vicina la chiave giusta.

Ma con un dispositivo del genere la sicurezza dell’auto è violata e il ladro può così rubare l’auto indisturbato.

Se vuoi aggiornamenti su USAVANO UN CHIP PER VIOLARE I SISTEMI DI ALLARME, ARRESTATI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 26 febbraio 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano