Motogp, Valentino Rossi ci crede

Il Dottore al termine della seconda giornata di prove a Phillip Island: "Siamo tutti vicini, preferisco così"

Valentino Rossi è molto soddisfatto al termine della seconda giornata di prove a Phillip Island. Il Dottore ha sottolineato la differenza rispetto a quanto accaduto a Sepang, dove Lorenzo gli aveva dato quasi un secondo di distacco.

"A Sepang Lorenzo era andato molto più forte, qui siamo tutti attaccati ed è la cosa che preferisco", le parole di Rossi "Se la gara si disputasse questo pomeriggio partiremmo alla pari, questa è la cosa fondamentale".

Il doppio innesto Michelin a base di elettronica e gomme ha soddisfatto il numero 46.  "Sto andando meglio che con le Bridgestone degli anni scorsi. Per me è stata una sorpresa. La Michelin ha migliorato l'anteriore e dietro c'è un buon grip. Sono soddisfato anche della resistenza perché ho fatto 20 giri con la stessa gomma".

La sorpresa a Phillip Island è rappresentata da Vinales: "A Sepang la Suzuki era in difficoltà, ma qui sta volando. Vinales è davvero un grande talento", ha sottolineato ancora Rossi.

"Mi piace il fatto che questa fase prestagionale si stia svolgendo su tre piste molto differenti. Per come stanno andando le cose, è probabile che durante il campionato le cose cambino molto da circuito a circuito".

"La moto giusta? Credo sia la 2015 ibrida. E' stato un peccato non aver provat oil telaio nuovo perché la bandiera rossa ci ha stoppato". Nulla da fare per la YZF-M1 evoluzione 2016, rimasta a guardare nel box.

Se vuoi aggiornamenti su MOTOGP, VALENTINO ROSSI CI CREDE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 18 febbraio 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano