Motomondiale, dopo Rossi-Marquez la Dorna non giudicherà più gli incidenti

In caso di controversie il giudizio sarà affidato a tre commissioni indipendenti la FIM, IRTA e MSMA

L'incidente Marquez-Rossi ha generato un cambio epocale nel Motomondiale. In caso di incidenti o controversie, il giudizio non sarà più affidato alla Dorna, ma a tre commissioni, la FIM, l'IRTA e la MSMA.

I tre organi applicheranno il sistema di sanzioni deciso dall'organo che organizza il Motomondiale, che però non sarà più giudicante. Questo il comunicato stampa diffuso dalla Dorna.

Abbiamo avuto un incontro in Commissione Grand Prix dove Dorna, la FIM, IRTA e MSMA erano presenti e abbiamo preso molte decisioni importanti. Tra queste alcune riguardano il GP singolo e in particolare abbiamo deciso per una separazione di funzioni - ha spiegato il Presidente della Fim, Vito Ippolito.

Vogliamo porre la miglior attenzione possibile alla gara perché ci sono molte responsabilità e questioni delicate da trattare. È necessaria una manovra più libera ma più coinvolgente e che non penalizzi i piloti. Avremo un nuovo organo formato da tre commissari, che dovranno giudicare il comportamento dei piloti durante le gare e le prove, il loro sarà un compito molto delicato ma importantissimo.

Abbiamo una vasta gamma di sanzioni, abbastanza per lasciare libertà al giudice di decidere quale sia la giusta pena che si può applicare. In questi anni abbiamo utilizzato un sistema di punti di penalità, dovremo decidere come procedere e capire se continuare con esso, cambiarlo o usarlo solo in parte - ha concluso Ippolito

 

 

Se vuoi aggiornamenti su MOTOMONDIALE, DOPO ROSSI-MARQUEZ LA DORNA NON GIUDICHERÀ PIÙ GLI INCIDENTI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Catino | 08 febbraio 2016

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano