In Svezia il Taxi con psicologo incluso

Parlare con qualcuno dei propri problemi fa bene: in Svezia lo psicoterapeuta che ascolta e consiglia i viaggiatori

In Svezia il Taxi con psicologo incluso

di Giuseppe Catino

13 gennaio 2016

Parlare con qualcuno dei propri problemi fa bene: in Svezia lo psicoterapeuta che ascolta e consiglia i viaggiatori

Il 70% dei cittadini svedesi considera il viaggio in taxi come una occasione per riflettere sulla propria vita, il proprio futuro. Il paese scandinavo si è adeguato all’esigenza piazzando nelle vetture uno psicoterapeuta pronto ad ascoltare i clienti.

Sembra una idea stravagante, ma non lo è. Il progetto è infatti dedicato soprattutto agli immigrati che da pocosi sono trasferiti in Svezia e che hanno bisogno di integrarsi attraverso nuove amicizie, nuove conoscenze. Che vogliono, insomma, qualcuno che li asclti.

Tra le menti che hanno dato il La all’iniziativa c’è quella di Miha Fahlen, una psicologa. Le sedute gioco-forza durano solo pochi minuti, il tempo della corsa.

“Ma anche 10 minuti di colloquio sono sufficienti per sentirsi meglio e rinfrancati”, le parole della Fahlen.

Qualcuno può magari trovare imbarazzante l’idea di confrontarsi con uno psicologo in taxi. Si consoli. Sempre meglio che avere a che fare con Travis Bickle.