Joe Bastianich a Maranello: "La Ferrari il sogno di una vita"

Il cuoco-giudice di Masterchef che vedremo alla conduzione di Top Gear Italia si è recato in visita a Maranello.

“Da bambino avevo un sogno, quello della Ferrari” oggi, Joe Bastianich, grazie alla sua popolarità, lo ha realizzato. Dopo Gordon Ramsay, a Maranello è arrivato il cuoco/giudice più severo della tv che a marzo vedremo alla conduzione di Top Gear Italia.

Approfittando di una pausa dalle riprese della versione italiana dello show di Sky Uno, Bastianich ha visitato le line di assemblaggio 8 cilindri e poi si è recato al reparto Classiche. Infine ha chiuso la sua visita davanti alla nuova F12tdf.

 

“Sono cresciuto tra l’Italia e gli Stati Uniti - ha dichiarato Joe Bastianch- e da bambino avevo un sogno: quello della Ferrari. In camera mia c’era il poster della Testarossa e ogni volta che ripartivo dall’aeroporto di Roma mi compravo un modellino nuovo. La prima Ferrari che ricordo è la 456 del mio vicino di casa e appena me la sono potuta permettere me ne sono comprata una. Ne ho avute altre, come la 550 Maranello e la 612. Poi mi sono appassionato alle classiche: una di quelle che mi ha reso più orgoglioso è una 330 del 1963, lo stesso modello posseduto da John Lennon. Non si può non rimanere a bocca aperta davanti a LaFerrari o a questa F12tdf, - ha concluso - che tra l’altro ha un legame ben definito con la storia del Cavallino Rampante.

Se vuoi aggiornamenti su JOE BASTIANICH A MARANELLO: "LA FERRARI IL SOGNO DI UNA VITA" inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 09 dicembre 2015

Vedi anche

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Un ex dipendente di una concessionaria di Palm Beach denuncia l'azienda: "Contachilometri portati all'indietro per vendere a prezzo più alto"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

"Mentre cercava di superare i limiti dell’intelligenza artificiale, Devbot2 ha avuto un incidente nessun pilota è rimasto ferito"

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

L'indiscrezione su Twitter rilasciata da Dan Prosser