Il TAS respinge la richiesta di Jorge Lorenzo

Il pilota aveva chiesto al TAS di essere ascoltato in merito al ricorso presentato da Valentino Rossi contro i punti di penalità ricevuti dalla FIM.

É stato respinto dal Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna, in Svizzera, il ricorso di Jorge Lorenzo. Il pilota della Yamaha che aveva chiesto alla Corte internazionale di essere ascoltato nell’arbitrato tra Valentino Rossi e la FIM ma il Tribunale ha rigettato la sua richiesta. Lorenzo voleva entrare nel ricorso che Valentino ha presentato contro i punti di penalizzazione sulla licenza che lo obbliga a partire in ultima fila. Nella nota del TAS si legge: "Il 2 novembre 2015 un pull di avvocati che agiva per conto di Jorge Lorenzo ha presentato richiesta di intervenire a suo nome nell’arbitrato tra Valentino Rossi e la FIM. Oggi pomeriggio il TAS ha informato le parti che la richiesta del Sig. Jorge Lorenzo è stata rigettata. Di conseguenza l’arbitrato del TAS proseguirà unicamente tra Valentino Rossi e la FIM. La decisione riguardante la richiesta del Sig. Rossi  di sospendere l’esecuzione della decisione degli steward FIM è ancora attesa entro e non oltre il 6 novembre 2015”.

Se vuoi aggiornamenti su IL TAS RESPINGE LA RICHIESTA DI JORGE LORENZO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 04 novembre 2015

Vedi anche

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Rollback contachilometri, concessionaria Ferrari denunciata

Un ex dipendente di una concessionaria di Palm Beach denuncia l'azienda: "Contachilometri portati all'indietro per vendere a prezzo più alto"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

Prima gara senza piloti, primo incidente. Ironia Roborace: "Nessun ferito"

"Mentre cercava di superare i limiti dell’intelligenza artificiale, Devbot2 ha avuto un incidente nessun pilota è rimasto ferito"

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

Bugatti Chiron choc: 0-402 Km/h e stop in meno di un minuto

L'indiscrezione su Twitter rilasciata da Dan Prosser