Alex De Angelis torna a casa

Il pilota ha avuto l'ok dei medici: potrà continuare la convalescenza a casa e già a febbraio prossimo potrebbe tornare in pista.

Alex De Angelis è stato dimesso. Dopo due settimane in terapia intensiva all’ospedale universitario Dokkyo di Mibu in Giappone dove era stato ricoverato a seguito del terribile incidente nelle libere sul circuito di Motegi e altre 48 ore nel nosocomio di San Marino ha avuto l’autorizzazione dei medici per poter continuare la convalescenza a casa. Le sue condizioni sono quindi in progressivo miglioramento e non si esclude che già il prossimo febbraio 2016 non possa fare un suo ritorno in pista per i test della MotoGP.

Fino ad allora però De Angelis dovrà portare un busto per 45 giorni, sottoporsi a regolari controlli e, ovviamente, tante sedute di fisioterapia.

 

"Sono veramente felice di essere tornato a casa – ha dichiarato il pilota – Questo è un segnale molto positivo per me e non vedo l’ora di tornare ad allenarmi. I medici hanno escluso per il momento che io ritorni in moto, ma non fa nulla perché nel periodo invernale comunque non si può provare. Userò questo tempo per rimettermi in forma e per arrivare ai primi test dell’anno prossimo pronto per la stagione. Ancora una volta voglio ringraziare tutto il personale medico che mi ha assistito e si è fatto in quattro per me, sia in Giappone che a San Marino. Un grazie ancora alla Clinica Mobile e a tutti i tifosi e agli amici che mi hanno fatto sentire la loro vicinanza anche quando ero lontano".

Se vuoi aggiornamenti su ALEX DE ANGELIS TORNA A CASA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 29 ottobre 2015

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore