Max Biaggi rinviato a giudizio

Il Tribunale di Roma rinvia a giudizio il campione di SBK e Motomondiale per evasione fiscale: 18 milioni di euro la cifra non corrisposta a Equitalia

Max Biaggi rinviato a giudizio

di Giovanni Mercadante

08 ottobre 2015

Il Tribunale di Roma rinvia a giudizio il campione di SBK e Motomondiale per evasione fiscale: 18 milioni di euro la cifra non corrisposta a Equitalia

Max Biaggi è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Roma per una evasione che ammonta a quasi 18 milioni di euro. La parte offesa, Equitalia, si è costituita parte civile.

La data dell’udienza è fissata per il prossimo 15 settembre 2016. Non è la prima volta che l’accusa di evasione fiscale piomba sul campione del mondo della Superbike ma all’epoca, Biaggi fu prosciolto per prescrizione (era stato rinviato a giudizio dopo il trasferimento della residenza a Montecarlo).

Secondo l’accusa Biaggi fino al 2012 avrebbe compiuto “atti fraudolenti consistiti nel trasferimento della residenza nel principato di Monaco e nell’affidare lo sfruttamento dei suoi diritti di immagine, derivanti dai contratti di sponsorizzazione con la società Dainese Spa, società di capitale con sedi a Londra, Montecarlo e Madrid“. Per la precisione, l’ammontare della somma dovuta al fisco sarebbe di 17,852.261,95 euro.