Morte Andrea Mamè, il gip: "Colpa del direttore di gara"

Il Giudice ha anche chiesto la citazione civile di Lamborghini spa quale organizzatore dell'evento.

Vi ricordate l’incidente che ha causato la morte di Andrea Mamè, pilota milanese di 41 anni, il 30 giugno 2013 sulla pista Paul Richard di Le Castellet, nel corso della gara “Lamborghini Blancpain super trofeo”?

A due anni di distanza arriva la conclusione del gip di Bologna Rossella Materia che ha indicato il direttore di gara come “distratto” e che “non provvedeva a dare correttamente il segnali di partenza”. Ma non solo: il Giudice ha anche ordinato la “citazione civile” della “Automobili Lamborghini spa” in qualità di organizzatore dell’evento. Un’istanza sollecitata anche dal legale della famiglia Baroncini.

Secondo quanto scaturito dalle indagini, la partenza lanciata sarebbe stata autorizzata nonostante mancassero tutte le norme di sicurezza previste. Il direttore di gara è accusato di “non aver provveduto, in considerazione della situazione di pericolo che si era venuta a creare dall’alta velocità, a dare l’ordine di ritardare la partenza in modo da riconsentire il riallineamento delle vetture”.

 

(Fonte: Repubblica.it)

Se vuoi aggiornamenti su MORTE ANDREA MAMÈ, IL GIP: "COLPA DEL DIRETTORE DI GARA" inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 30 settembre 2015

Vedi anche

Nico Rosberg, annuncio su Facebook: Mi ritiro

Nico Rosberg, annuncio su Facebook: Mi ritiro

Annuncio a sorpresa del neo campione del mondo di Formula 1: a 31 anni dice basta

Lola, la prima Formula 1 con autorizzazione stradale

Lola, la prima Formula 1 con autorizzazione stradale

Freno a mano, frecce e tutto il resto: il sogno di pilotare una F1 in mezzo a pedoni e semafori può essere realizzato

Tecnologia Freevalve: addio all

Tecnologia Freevalve: addio all'albero a camme

La rivoluzionaria tecnologia Freevalve, che ha debuttato al Salone di Guangzhou, è stata sviluppata da Koenigsegg.