Le auto della Polizia e dei Carabinieri a rischio

Le auto in consegna alle forze dell'ordine sono di proprietà della Volkswagen e hanno un motore di quelli finiti sotto accusa nello scandalo emissioni

Le auto di Polizia e Carabinieri rischiano di finire nello scandalo Volkswagen. La Seat, infatti, di proprietà del marchio tedesco, aveva vinto a maggio una gara d’appalto per la fornitura di auto alle forze dell’ordine.

Si tratta di 206 auto già consegnate e di un totale di 4 mila auto per i prossimi tre anni, ad un costo totale intorno ai 184 milioni di euro. L’auto vincente è risultata essere la Leon con motore 2.0 Tdi da 150 cavalli, lo stesso motore Euro 5 che oggi è nell’occhio del ciclone per la truffa del software sulle emissioni di ossido di azoto.

 

Come spiega il Corriere della Sera: "Le auto affidate alle forze dell’Ordine sono sottoposte a test rigorosissimi: oltre 16.000 chilometri percorsi dai prototipi e più di 100.000 movimenti di apertura-chiusura porte. Prima della produzione, il test più estremo: oltre 30.000 chilometri senza alcuna sosta. Prodotte in Spagna nello stabilimento di Martorell, vicino a Barcellona, le Leon destinate alle pattuglie sono poi trasformate e arricchite con dotazioni speciali dalla Nuova carrozzeria torinese di Chivasso, che lavora con Polizia e Carabinieri dal 2003. Che cosa succederà adesso? Non pare al momento verosimile la sospensione dell’importante commessa. Per i prossimi giorni è già stato fissato un incontro tra i manager della Seat e i vertici delle forze dell’ordine che desiderano avere ulteriori chiarimenti dall’azienda costruttrice e capire che cosa fare con le auto già in uso. Comunque le altre Leon verranno fornite con motore omologato Euro 6, quindi del tutto in regola”.

Se vuoi aggiornamenti su LE AUTO DELLA POLIZIA E DEI CARABINIERI A RISCHIO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 28 settembre 2015

Vedi anche

Nico Rosberg, annuncio su Facebook: Mi ritiro

Nico Rosberg, annuncio su Facebook: Mi ritiro

Annuncio a sorpresa del neo campione del mondo di Formula 1: a 31 anni dice basta

Lola, la prima Formula 1 con autorizzazione stradale

Lola, la prima Formula 1 con autorizzazione stradale

Freno a mano, frecce e tutto il resto: il sogno di pilotare una F1 in mezzo a pedoni e semafori può essere realizzato

Tecnologia Freevalve: addio all

Tecnologia Freevalve: addio all'albero a camme

La rivoluzionaria tecnologia Freevalve, che ha debuttato al Salone di Guangzhou, è stata sviluppata da Koenigsegg.