Da Goodyear ecco le gomme autogonfiabili

Air Mainteinance Tecnology è una nuova tecnologia che permette alle ruote di gonfiarsi da sole quando queste iniziano a sgonfiarsi.

Dopo lo sviluppo e la sperimentazione avviata nel 2011 della Air Mainteinance Tecnology, la Goodyear comincerà ad effettuare i test in Usa e Canada nei prossimi 18 mesi, di questi particolari pneumatici capaci di controllare la pressione di gonfiaggio da soli, 

Questi pneumatici per far ciò, utilizzano solo un regolatore e un tubo: quando il regolatore rileva una caduta di pressione e scende sotto un determinato PSI, questi si apre e fa entrare un flusso di aria nel tubo di pompaggio. Quando la ruota rotola, appiattendo il tubo spinge aria nella valvola. L'aria, così, arriva nella cavità della ruota che in questo modo si gonfia alla pressione corretta. Tutti i componenti di questo innovativo sistema sono contenuti all'interno degli pneumatici stessi.

Il direttore tecnico di Goodyear, Joseph Zekoski ha dichiarato: "Questa è un'importante pietra miliare nello sviluppo della Air Mainteinance Tecnology per il mercato commerciale autotrasporti. Gli pneumatici dotati della tecnologia si sono comportati bene nei test e siamo lieti che tanti dei nostri clienti siano desiderosi di collaborare con noi nella prossima fase".

 

Se vuoi aggiornamenti su DA GOODYEAR ECCO LE GOMME AUTOGONFIABILI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 05 dicembre 2014

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore