Un decreto-legge per vietare l’immatricolazione di auto all’estero

Così il Governo vuole porre rimedio ai furbetti che eludono le multe e non pagano il bollo auto.

Un decreto-legge per vietare l'immatricolazione di auto all'estero

di Giovanni Mercadante

14 settembre 2015

Così il Governo vuole porre rimedio ai furbetti che eludono le multe e non pagano il bollo auto.

 

Un decreto legge per vietare l’immatricolazione all’estero di automobili che hanno l’unico scopo di evitare multe o pagamento del bollo. É questo uno degli obiettivi del Governo che cercherà, dunque, di frenare il fenomeno che permette ai furbetti di eludere il pagamento delle multe.

Nel Codice della Strada verrà inserita quindi una nuova norma, la 132-bis, che stabilisce: “chiunque, residente anagraficamente in Italia, vi circola alla guida di veicoli immatricolati (in via provvisoria o definitiva) in uno Stato dell’Unione Europea o dello Spazio economico europeo deve essere in grado didocumentarne le regolari detenzione e circolazione, in particolare in caso di veicolo proveniente da una precedente immatricolazione in Italia. In mancanza di tale documentazione scatterà il ritiro della carta di circolazione per trenta giorni ed una sanzione amministrativa, variabile da 84 a 335 euro”.

No votes yet.
Please wait...