FCA, da oggi nuovi contratti con stipendi basati sugli obiettivi

l nuovo accordo prevede una turnistica a ciclo continuo con 20 turni settimanali e soprattutto un nuovo sistema retributivo

Da oggi tutti gli 85 mila dipendenti dei gruppi FCA e CNH Industrial hanno il nuovo contratto Fiat. Il nuovo accordo prevede una turnistica a ciclo continuo con 20 turni settimanali e soprattutto un nuovo sistema retributivo (già applicato nello stabilimento di Melfi) ovvero, basato sugli obiettivi.

Obiettivi che saranno di efficenza e redditività e che se raggiunti prevedono bonus tra i 7 mila e 10.700 euro nell'intero periodo di validità del contratto (2015-2018). Tra le nuove regole anche un nuovo inquadramento contrattuale a tre livelli a differenza degli otto attuali.

FCA con questo nuovo sistema retributivo è certa di aver compiuto "un importante passo in avanti verso un coinvolgimento ampio e maturo delle persone che lavorano per raggiungere gli obiettivi strategici dei due Gruppi. Un coinvolgimento che vede proattivamente al fianco delle aziende tutte le Organizzazioni Sindacali che fin dall'inizio di questo percorso di rinnovamento hanno condiviso gli obiettivi per il rinnovo del nuovo contratto e quelli industriali, che FCA e CNH Industrial si sono posti".

 

Se vuoi aggiornamenti su FCA, DA OGGI NUOVI CONTRATTI CON STIPENDI BASATI SUGLI OBIETTIVI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 09 luglio 2015

Vedi anche

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

Adam Carolla mette in vendita la sua collezione di rarissime Lamborghini

L'attore e doppiatore statunitense manda sul mercato vetture dal valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di dollari

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Matteo Renzi al volante della Lamborghini Huracán LP610

Il presidente del consiglio in visita allo stabilimento di Sant'Agata Bolognese

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Ferrari F40: prima il restauro, poi le fiamme

Incendio per il gioiello di Maranello del 1987: colpa di una autocombustione che si è generata nel vano motore