Distrugge la sua Ferrari e raccoglie i fondi via web per ripararla

L'iniziativa di un automobilista che ha deciso di riparare la sua Ferrari vendendo dei piccoli "spazi pubblicitari" sulla carrozzeria dell'auto.

Avere i soldi per comprare una Ferrari ma poi, al primo incidente, organizzare una raccolta fondi per poterla riparare. Ci vuole una gran faccia tosta, penserete voi, ed è proprio quella che ha avuto il proprietario della Ferrari 458 Speciale dopo aver sbattuto con violenza sul circuito del Nurburgring.

Risultato? Sezione anteriore interamente da ricostruire, Airbag esplosi e un cerchio libero dal pneumatico, totale costi di riparazione: 210 mila euro.

Di qui l'idea dell'automobilista: ha creato un sito "The Dead Ferrari" con l'obiettivo di coinvolgere gli appassionati nel progetto di riparazione. Ognuno può contribuire acquistando un pezzo della carrozzeria, pagando 3,99 euro al centimetro quadro, scegliendo, poi di applicare su quel piccolo pezzo di carrozzeria acquistato un logo di un'attività commerciale o una foto.

Il proprietario della Ferrari non ha dubbi ed è convinto di riuscire a rientrare nelle spese con la vendita di 50mila bollini. Alla fine di tutta l'iniziativa, verrà inoltre nominato un vincitore che potrà guidare l'auto per un mese intero.

 

Se vuoi aggiornamenti su DISTRUGGE LA SUA FERRARI E RACCOGLIE I FONDI VIA WEB PER RIPARARLA inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 02 luglio 2015

Vedi anche

Quanto costa mantenere una supercar?

Quanto costa mantenere una supercar?

Il budget per mantenere un’auto sportiva è importante, ma non mancano le possibilità di risparmiare.

Ferrari 458 Italia, record sulla Tianmen Mountain

Ferrari 458 Italia, record sulla Tianmen Mountain

E' considerata la strada più pericolosa e tortuosa del mondo: la salita percorsa in soli 10' 31" 945

Harley and the Davidsons, la serie tv dedicata al mito delle moto

Harley and the Davidsons, la serie tv dedicata al mito delle moto

Arriverà anche in Italia la miniserie dedicata ai primi anni di vita dello storico marchio