Droni su villa Schumacher

A denuciare il fatto Sabine Kehm, la storica manager del pilota sette volte campione del mondo.

Droni su villa Schumacher

di Giovanni Mercadante

04 giugno 2015

A denuciare il fatto Sabine Kehm, la storica manager del pilota sette volte campione del mondo.

Ancora violazioni della privacy a casa Schumacher. A denunciarle è sempre lei, Sabine Kehm, manager di Michael.

Nell’ultimo periodo, nella villa svizzera del sette volte campione del mondo, si aggiravano, pensate un po’, alcuni droni che ovviamente avevano l’obiettivo di captare qualche immagine del pilota.

La Kehm nell’ultimo periodo, aveva parlato dei piccoli miglioramenti di Schumi e del fatto che spesso “viene portato all’aria aperta”. Da qui la genialata di sorvolare la villa con i droni.

Adesso, per mantenere la privacy di Michael, come se non bastassero tutte le misure di sicurezza già prese, sono state colorate le finestre, in modo da impedire ai droni e anche ai paparazzi di poter fotografare il pilota quando questo si trova nelle vicinanze degli infissi della sua villa. La Kehm sostiene che i droni erano guidati da paparazzi francesi.