Omicidio stradale, approvato il disegno di legge

Previsti fino a 12 anni di carcere e ritiro della patente per 30 anni nel caso il responsabile venga trovato sotto effetto di alcool o droghe.

Omicidio stradale, approvato il disegno di legge

di Giovanni Mercadante

21 maggio 2015

Previsti fino a 12 anni di carcere e ritiro della patente per 30 anni nel caso il responsabile venga trovato sotto effetto di alcool o droghe.

Approvato il disegno di legge sull’omicidio stradale e nautico. Si tratta dell’articolo 589 bis del Codice Penale nel quale è stata prevista la pena a 12 anni di carcere nel caso il responsabile del sinistro sia stato trovato sotto l’effetto di alcool o droghe. Previsto il ritiro della patente fino ad un massimo di 30 anni.

Il testo, redatto da Giuseppe Cucca (PD), con ogni probabilità arriverà alla camera i primi di giugno.

Si volta pagina radicalmente, si dà una risposta rigorosa facendo in modo che prima di mettersi in macchina bisogna essere nelle piene facoltà e quando si guida bisogna essere molto seri e responsabili” -ha commentato Giuseppe Lumia, capogruppo Pd in commissione Giustizia al Senato- Non si possono più usare escamotage sull’omicidio colposo per lasciare impuniti quando si uccide o quando si perseguono lesioni gravissimi a persone lasciate in condizioni di inabilità per tutta la vita”. Il carcere, con una pena che va dai 7 ai 10 anni, è previsto anche per chi, provoca la morte di qualcuno all’interno di centri abitati non rispettando i limiti di velocità. Per le procurate lesioni, le pene vanno dai 2 ai 4 anni.