A Milano arrivano i simulatori Ferrari

Sono 4 i simulatori che potranno essere provati nel Flagship Store di via Berchet. Costo 25 euro per 10 minuti di corsa.

Al Flagship Store Ferrari di Milano in via Berchet, 4 vetture da 130 chili in vetroresina con comando elettromeccanico e collegate a schermi 4k ultraHD, danno la sensazione di essere davvero su una monoposto Ferrari. Si tratta di simulatori semi-professionali davvero molto simili a quelli che sono utilizzati dai piloti di Maranello durante i periodi di allenamento.

Come racconta Antonio Fuoco, giovane pilota della Driver Academy Ferrari, però Quelli professionali hanno uno schermo più grande e il telaio viene montato su pistoni, ma per il resto sono praticamente identici. Sono certo che questi simulatori piaceranno moltissimo agli appassionati di Formula 1, perché tutto quanto, dal volante al circuito, è riprodotto nei minimi dettagli: i meno esperti avranno anche la possibilità di aiutarsi cercando di seguire la traiettoria ideale che compare sullo schermo".

Se volete quindi provare l'emozione di correre in pista su una Ferrari, potete farlo nello store milanese, il costo è di 25 euro per 10 minuti di corsa (occorre prenotarsi). Se deciderete di gareggiare sul circuito di Monza, inoltre, potrete essere inseriti in una classifica speciale dove i 18 migliori risultati saranno chiamati a sfidarsi in una finale tutta particolare che avrà luogo a Maranello in concomitanza con la presentazione della Formula 1 2016. 

 

 

Se vuoi aggiornamenti su A MILANO ARRIVANO I SIMULATORI FERRARI inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 19 maggio 2015

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano