Fa il pieno all'auto e non paga. Denunciata e assolta.

Grazie agli effetti della riforma Renzi che depenalizza alcuni reati, una donna è stata assolta per la "tenuità del reato".

Pensate di fare il pieno alla vostra auto e di andare via senza pagare, spiegando ai gestori dell'area di servizio di non avere dei soldi con voi e promettendo di saldare il debito con una dichiarazione scritta. E' quello che ha fatto una donna di Pieve Porto Mortone in provincia di Pavia, il problema, però è che la signora non ha mai mantenuto quella promessa scritta così è stata denunciata e processato con l'accusa di insolvenza fraudolenta.

Fin qui normale amministrazione, fino a quando non è arrivata la sentenza del processo: Camelia Serban, 30 anni, è stata assolta per la "tenuità del fatto". Come spiegato dal Giudice, il fatto era di scarsa rilevanza, sia per quanto riguarda il tipo di reato sia per quanto riguarda la cifra non saldata pari a 121,48 euro.

"Si può concludere per l'assoluzione dell'imputata - si legge nelle motivazioni della sentenza - perché non punibile". Effetti, collaterali della riforma Renzi (decreto legislativo 28/2015) sulla depenalizzazione di alcuni reati.

 

Se vuoi aggiornamenti su FA IL PIENO ALL'AUTO E NON PAGA. DENUNCIATA E ASSOLTA. inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giovanni Mercadante | 13 maggio 2015

Vedi anche

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Olio motore: come scegliere quello giusto?

Controllare sempre il libretto d’uso e manutenzione per conoscerne la viscosità.

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

Fiat Oltre: c’era una volta l’Hummer italiano

In occasione del Motor Show di Bologna del 2005 fece il suo debutto un originale fuoristrada firmato Fiat con chiare origini militari.

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Mercedes, il dopo Rosberg si chiama Alonso?

Spifferi dal circus: contatti avviati tra il team tedesco ed il pilota asturiano