Porsche alla 24 Ore di Le Mans dal 2014

Porsche ha intenzione di tornare a vincere alla 24 Ore di Le Mans nella classe LMP1 dal 2014, esattamente 16 anni dopo l'ultimo successo.

Porsche 911 GT1 alla 24 Ore di Le Mans

Altre foto »

I successi negli scorsi anni alla 24 Ore di Le Mans di Peugeot e Audi, con quest'ultima dominatrice pressoché incontrastata dell'edizione conclusa qualche settimana fa, sembrano aver convinto i vertici Porsche per programmare un ritorno in forze alla mitica corsa di durata, con l'obiettivo, possiamo dire scontato, di vincere.

La casa tedesca è infatti il marchio che attualmente può vantare il maggior numero di successi alla 24 Ore, che nella sua storia ha visto primeggiare le vetture di Zuffenahusen per ben 16 volte. Negli ultimi anni, però, Porsche ha assunto un ruolo più defilato, portando in Francia delle vetture che avevano l'ambizione di vincere nella classe LMP2, obiettivo peraltro riuscito con i numerosi successi ottenuti fino al 2010.

Adesso però, Porsche è intenzionata a ritornare ai vertici assoluti e per questo motivo ha annunciato di essere al lavoro su una nuova vettura di classe LMP1 che dovrebbe essere pronta per il debutto nel 2014, esattamente sedici anni dopo l'ultimo successo arrivato nel 1998, quando a vincere quell'edizione della 24 Ore di Le Mans fu la 911 GT1 affidata all'equipaggio composto da Allan McNish, Laurent Aiello e Stéphane Ortelli.

A Zuffenhausen la nuova avventura viene vissuta fin da subito con grande entusiasmo, come traspare dalle parole di Hartmut Kristen, capo di Porsche Motorsport: "Stiamo guardando avanti con il compito di sviluppare nuove tecnologie e per continuare con il successo della Porsche RS Spyder. Ora cominceremo con una ricerca minuziosa al fine di valutare le diverse alternative per la nostra nuova auto. Questo ovviamente dipende da come saranno i regolamenti per il 2014 da guardare in dettaglio. In linea di principio, questi regolamenti sono interessanti per noi perché rendono l'integrazione della nostra tecnologia ibrida un'opzione possibile."

E proprio alla tecnologia ibrida si guarda in casa Porsche, per cui sembra di capire che il prossimo prototipo a gareggiare sul circuito francese nella massima categoria potrebbe essere caratterizzato da un sistema ibrido, derivato in parte da quanto visto nella 911 GT3 R Hybrid e integrato con quanto sarà possibile prendere dalla RS Spyder che tanto bene si è comportata in classe LMP2.

Se vuoi aggiornamenti su PORSCHE inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 01 luglio 2011

Altro su Porsche

Porsche: guida autonoma ma con moderazione
Tecnica

Porsche: guida autonoma ma con moderazione

Anche se la tecnologia sarà sempre più presente, le auto della casa di Zuffenhausen saranno auto da guidare.

Nuova Porsche 911 RSR: tutti i segreti della nuova vettura da pista tedesca
Motorsport

Nuova Porsche 911 RSR: tutti i segreti della nuova vettura da pista tedesca

La Casa tedesca svela la sua ultima arma da pista che verrà impiegata nei campionati IMSA e FIA WEC.

Porsche 911 Carrera 4S Cabrio: la prova su strada
Prove su strada

Porsche 911 Carrera 4S Cabrio: la prova su strada

Abbiamo guidato la 911 pensata per viaggiare a cielo aperto ed equipaggiata con il nuovo motore turbo.