F1, Monaco: la Red Bull "protegge" i suoi pit-stop

Dopo la presunta copiatura nella strategia di gara da parte della Ferrari, la Red Bull renderà "meno trasparenti" le soste ai box.

Gran Premio di Spagna 2011

Altre foto »

Le sfide in Formula 1 non si giocano solamente in pista sul filo dei decimi di secondo, ma anche e soprattutto ai box. In un contesto così competitivo non stupisce quindi che anche il pit-stop diventi motivo di "spionaggio", tale da far attivare ai potenziali spiati tutte le misure necessarie a cautelarsi.

Infatti lo scorso weekend a Barcellona, quando Ferrari e Red Bull hanno richiamato ai box le loro prime guide praticamente in contemporanea, c'è stato chi ha parlato di possibile spionaggio da parte di Maranello, che avrebbe preso la decisione di richiamare Alonso per il cambio gomme subito dopo essere venuta a conoscenza che la scuderia austriaca stava richiamando Vettel.

Per evitare che simili situazioni si ripetano, la Red Bull ha quindi deciso di adottare delle procedure differenti nella fase di preparazione dei pit-stop in vista del prossimo GP di Montecarlo, in modo da non far capire in anticipo agli avversari le proprie intenzioni ed evitare così che questi ultimi modifichino le loro strategie in funzione delle informazioni carpite.

Da parte della scuderia guidata da Chris Horner non c'è però alcuna polemica verso la Ferrari, anzi il team principal della Red Bull ha tenuto a precisare che alcuni commenti sul presunto spionaggio della Ferrari sono stati frutto di fraintendimenti e che nessuno della Red Bull abbia avanzato dubbi sulla legalità del comportamento degli uomini in rosso.

Insomma non c'è nessuna intenzione di creare nuove e ulteriori polemiche di cui nessuno sente il bisogno in questa Formula 1, ma è chiaro che qualcosa in Red Bull cambierà fin da subito, anche se non è chiaro cosa si inventeranno gli uomini di Horner per "criptare" le propri intenzioni.

Se vuoi aggiornamenti su F1, MONACO: LA RED BULL "PROTEGGE" I SUOI PIT-STOP inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Giuseppe Cutrone | 27 maggio 2011

Vedi anche

Alpine A470: ecco le nuove LMP2 per il Mondiale Endurance 2017

Alpine A470: ecco le nuove LMP2 per il Mondiale Endurance 2017

Le "barchette" Alpine n. 35 e 36 dovranno difendere i titoli Costruttori e Piloti LMP2 conquistati nel 2016. Appuntamento a Monza il prossimo weekend.

Formula E: anche DS è fra i costruttori ufficiali

Formula E: anche DS è fra i costruttori ufficiali

Dal 2018 – 2019 l’elenco di Case costruttrici coinvolte in prima persona nel campionato per monoposto elettriche vedrà anche DS Automobiles.

DIRETTA F.1 GP di Melbourne, vince la Ferrari, vince Vettel

DIRETTA F.1 GP di Melbourne, vince la Ferrari, vince Vettel

Dominio rosso con Vettel sulle due Mercedes, Kimi quarto. Sarà un mondiale più equilibrato?