Formula 1: la Mercedes accelera lo sviluppo

Torna a parlare Toto Wolff che vuole mantenere la leadership nella massima Formula.

Formula 1: la Mercedes accelera lo sviluppo

Tutto su: Mercedes-Benz

di Valerio Verdone

07 aprile 2015

Torna a parlare Toto Wolff che vuole mantenere la leadership nella massima Formula.

La stagione di Formula 1 2015 poteva trasformarsi in un monologo annunciato delle Mercedes, ma la Ferrari pare aver spezzato la trama di una vittoria pronosticata in tutto il mondo e adesso le frecce d’argento, ferite e sanguinanti, hanno paura, temono il Cavallino imbizzarrito, capace di colpi a sorpresa e con uno spessore tecnico più solido di quanto tutti potessero pensare fino.

Così, lo stesso Toto Wolff, a capo della scuderia, ha rilasciato delle dichiarazioni ad Autosport, nelle quali sottolinea la necessità di accelerare nello sviluppo per tenere a distanza la SF15-T. “Di recente ho letto un articolo che rivela un impiego massiccio di risorse economiche da parte della Ferrari in questo 2015. Noi però abbiamo tutto quello che serve per rimanere davanti. Siamo certi della quantità di risorse a nostra disposizione. Siamo ancora in ottima posizione”.

“Abbiamo bisogno di mantenere la calma, continuare a sviluppare la vettura, mettere i pezzi giusti sulla vettura e montare alcuni aggiornamenti prima di quanto avessimo previsto al via della nuova stagione”. Continua Wolff, che vuole comunque sottolineare di essere ancora in vantaggio e invita i suoi a mantenere la calma.

“Ma non c’è motivo di panico. Siamo in una stagione normale, con almeno un concorrente a sfidarci per la vetta”. Infine, non risparmia una critica agli addetti ai lavori, colpevoli, a suo dire, di cavalcare troppo facilmente l’ondata dell’entusiasmo generale.

“Penso ci voglia più equilibrio nei giudizi. Dopo Melbourne ho sentito molti dire che avremmo vinto tutti i gran premi, finendo sempre in prima e seconda posizione. Dopo Sepang, invece, ho sentito cose completamente differenti. E’ forse l’inizio di una nuova battaglia, che accettiamo e non vediamo l’ora di affrontare. Dobbiamo ritrovare fiducia”.