GP Malesia: nel diluvio vince Button dopo solo 31 giri

Su Sepang si abbatte il diluvio e la spunta ancora Jenson Button in un GP durato solo 31 giri. Ferrari ancora fuori dai punti

GP Malesia: nel diluvio vince Button dopo solo 31 giri

di Leopoldo Canetoli

05 aprile 2009

Su Sepang si abbatte il diluvio e la spunta ancora Jenson Button in un GP durato solo 31 giri. Ferrari ancora fuori dai punti

.

E’ la seconda gara consecutiva che vinco senza vedere la bandiera a scacchi…“. Così uno stralunato Jenson Button subito dopo il GP della Malesia, che lo ha visto ancora sul gradino più alto del podio, cerca di spiegare come sta vivendo questo inizio di stagione.

Casino!” sentenzia laconico il ferrarista Felipe Massa che finirà ancora fuori dalla zona punti. Ed era stato facile profeta Flavio Briatore, che intervistato poco prima del via aveva pronosticato, dopo la prima mezz’ora, il classico diluvio: “Dovrebbe piovere alla grande, e per me non finiamo la gara: qui non è che scenda la pioggerellina…“.

In effetti, dopo 33 dei 56 giri in programma, il classico temporale tropicale ha ridotto la bella pista di Sepang in una piscina dove non si poteva fare altro che fermarsi perché non era più possibile guidare. E qui va la ferma condanna, ancora una volta alla Federazione che ha messo a calendario, (su richiesta di Ecclestone) nel mese di Aprile, mese dei monsoni, una prova spostandola alle 17 del pomeriggio per favorire l’ascolto televisivo.

Pur sapendo che automaticamente, tutti i giorni, a quell’ora le possibilità di diluvio universale sono quasi una certezza. E con quell’abbondanza di pioggia non è proprio possibile disputare una gara, gomme da bagnato o no.

A ciò va aggiunta l’incapacità dei commissari sportivi che, in questi frangenti (diluvio battente) devono prendere delle decisioni istantanee. Siamo alle solite. In una formula così professionale certe decisioni delicatissime sono affidate a personaggi che non sono certo dei professionisti in questo settore. Ci piacerebbe conoscere i palmarés, le esperienze in materia di Mr Stocker, del rappresentante della Tanzania e di quello della Malesia, questi i tre commissari che assieme a Charlie Whiting si muovevano nella stanza dei bottoni.

Questi gli uomini che non sono stati in grado di dire niente alla squadre, alla gente, praticamente fino allo scoccare delle 19, ora alla quale si chiudeva la via del satellite e bisognava terminare tutto. Questi gli uomini che hanno aspettato anche troppo a far uscire la Safety Car e poi a esporre la bandiera rossa. Ormai la Formula 1 è in mano a questa gente, e non meravigliamoci più se non si capisce più niente…

La gara

La gara. Dalla griglia il più lesto a scattare è stato Nico Rosberg, ma anche Rubens Barrichello, che temeva Fernando Alonso dietro di lui col Kers, è schizzato via come un fulmine. Benino le Ferrari, praticamente fermo Robert Kubica che ha continuato per un giro per poi fermarsi col motore KO. Fermo subito anche Heikki Kovalainen che sbaglia e finisce fuori pista, mentre Sebastien Buemi entra ai box per cambiare il musetto.

Rosberg continua imperterrito al comando accumulando spazio su Jarno Trulli e Button, con Barrichello che sopraggiunge davanti ad Alonso che fa un po’ da tappo a Raikkonen. Intanto nuvole nere corrono sempre più veloci in cielo e cominciano le fermate ai box.

Raikkonen entra dopo 17 giri e alla Ferrari, con Schumacher come super controllore, vengono montate gomme da bagnato quando ancora non piove…Un rischio che il finlandese dovrà correre, girando in 20″ più piano di tutti gli altri. E basteranno quattro giri per distruggere le gomme, proprio quando sopraggiunge la pioggia…

Chi azzecca la miglior scelta è Timo Glock che monta sulla Toyota le intermedie e riesce così a guadagnare molte posizioni. Intanto comincia il carosello delle fermate, con i piloti che montano prima le super wet, per poi cambiare con le intermedie, e quando arriva il diluvio, tornare alle gomme da bagnato.

Ma dopo 30 giri si scatena il tifone, Giancarlo Fisichella e Sebastian Vettel volano via sul bagnato come sul ghiaccio, e finalmente dopo 31 giri esce la Safety Car. Ma con tanta acqua non è possibile proprio andare avanti, e dopo 33 giri bandiera rossa, e tutti fermi ad aspettare…

Nel frattempo Mark Webber, da buon sindacalista, contatta sia Lewis Hamilton che Alonso, proponendo loro di non ripartire. Ma la decisione spetta ai commissari che ancora non si esprimono…E’ chiaro che non avendo percorso i tre quarti di gara il punteggio sarebbe dimezzato. E solo a otto minuti dalle 19 i commissari si decidono a chiudere la gara, con Button, Nick Heidfeld e Glock sul podio. E le Ferrari, ancora una volta, a zero punti.