F1: Montezemolo cambierebbe l’orario dei GP

Secondo il Presidente della Ferrari i Gran Premi di Formula 1 inizierebbero troppo presto e sarebbe meglio posticiparli.

Formula 1: mondiale 2010 da record

Altre foto »

Le novità previste per il 2011 ancora non sono state portate in pista, i team lavorano alacremente per sviluppare le loro monoposto, ma Luca Cordero di Montezemolo è sempre alla ricerca di nuovi espedienti per aumentare la popolarità e lo spettacolo della F1.

Il Presidente della Ferrari infatti, non sarebbe d'accordo sugli orari in cui iniziano i Gran Premi e, guardando l'esempio offerto dai mondiali di calcio, lancia una proposta: "Non penso sia una buona idea far partire le gare alle 14 a luglio o ad agosto, a quell'ora di domenica le persone sono in spiaggia e non possono seguire le corse. Anche i Mondiali di calcio se ci pensiamo cominciano più tardi".

Un'affermazione che la dice lunga sulla voglia di cambiamenti che pervade la F1 e non è un caso che provenga da Montezemolo, da tempo promotore della terza monoposto da assegnare ad ogni team. Certo, per il momento si tratta solo di un'ipotesi, ma il circus iridato è sempre in evoluzione e non è detto che non venga presa in considerazione da Bernie Ecclestone.

Se vuoi aggiornamenti su F1: MONTEZEMOLO CAMBIEREBBE L’ORARIO DEI GP inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 09 gennaio 2011

Vedi anche

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Rally: tragedia a Montecarlo, muore uno spettatore

Hayden Paddon al volante della sua Hyundai è stato protagonista di un terribile incidente che ha provocato a morte di uno spettatore.

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il motorsport dice addio a Mario Poltronieri

Il popolarissimo telecronista della F.1 è scomparso ieri a 87 anni nella sua abitazione di Milano. Una vita a tu per tu con l'automobilismo sportivo.

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

F1: la Williams conferma il ritorno di Massa

Un ritiro che di fatto... non c'è mai stato: per sostituire Bottas approdato in Mercedes, la Williams sigla un contratto con il driver paulista.