MotoGP 2018: Agostini prende le difese di Marquez

Agostini prende le difese di Marquez, non sostenendo le tesi di Valentino Rossi che hanno etichettato l’attuale campione del mondo come un pilota pericoloso e scorretto.

MotoGP 2018: Agostini prende le difese di Marquez

di Tommaso Giacomelli

10 aprile 2018

Non si placano le polemiche dopo il gran premio di Argentina della MotoGP, durante il quale si è distinto in modo negativo Marc Marquez. Il pilota spagnolo ha corso in modo indiavolato, andando spesso oltre il limite, mettendo a repentaglio la sua gara e quella dei suoi avversari. Il campione spagnolo con una manovra azzardata alla curva 13 del circuito di Thermas de Rio Hondo ha buttato letteralmente fuori Valentino Rossi, il quale non ha perso tempo per etichettare il numero 93 di Honda come un pericolo pubblico. Rossi ha rifiutato da subito le scuse dello spagnolo e ai microfoni della stampa e della tv ha rincarato la dose, dichiarando che dopo questo episodio i rapporti col campione del mondo in carica sono frantumati e che Marquez rappresenta una mina vagante all’interno della MotoGP, un elemento negativo e pericoloso. Molti hanno sostenuto e appoggiato le tesi del Dottore, ma c’è una voce fuori dal coro che invece ha preso le difese di Marc Marquez. L’uomo in questione è Giacomo Agostini, quindici volte campione del mondo, e voce autorevole all’interno del Motomondiale.

Intervenuto ai microfoni di Radio 24, il titolatissimo Agostini ha detto: “Marquez ha sbagliato e si è scusato, speriamo non lo faccia più. Marquez non deve essere squalificato, è stato già punito in gara, tanto che ha finito con zero punti. Se squalifichiamo ogni volta, allora non corriamo più, lasciamo tutti a casa. Non riesci a calcolare benissimo il sorpasso, è difficile. Questo vale per tutti: penso a Iannone che ha buttato a terra Dovizioso due anni fa, allora andava squalificato ma così non corre più nessuno”.

L’ex pilota italiano ha inoltre aggiunto che Marquez non punta a far male agli avversari e che queste sono semplicemente gare: “Non è vero come dice Rossi che Marquez punta alla gamba dei piloti, ora sono tutti un po’ nervosi e tutti stanno esagerando. Quello che è successo ieri tra Marquez e Rossi è successo a tutti, è successo a me, è successo a Valentino Rossi, è successo sempre in questa gara anche a Zarco che ha buttato fuori Pedrosa. È sempre stata una lotta così, naturalmente è sempre giusto avere rispetto, è sempre giusto non buttare la gente a terra”. Agostini ha inoltre aggiunto uno spunto sulla questione scuse effettuate da Marquez andando direttamente al box Yamaha di Rossi, dal quale è stato sbattuto fuori in malo modo: “Forse era meglio aspettare un quarto d’ora, 20 minuti in più, forse si calmavano le acque, però se non vai subito dicono ‘ecco non è andato a scusarsi’, insomma è una situazione molto difficile sia se tu vai o se non vai e dicono che sei un bastardo che non si è scusato“.