Formula E: grande weekend in Marocco per DS e Mahindra

Rosenqvist conquista la vittoria mentre Bird ottiene il terzo posto e la Mahindra balza al comando delle classifiche riservate a piloti e costruttori.

Formula E: grande weekend in Marocco per DS e Mahindra

Tutto su: DS, Mahindra

di Valerio Verdone

14 gennaio 2018

La gara del Marocco ha visto un confronto al vertice tra il team Mahindra e quello DS Virgin Racing. Il primo nel doppio appuntamento iniziale di Hong Kong ha conquistato la vittoria in gara 2 con Felix Rosenqvist e il terzo posto in gara 1 con Nick Heidfeld. Inoltre il pilota svedese ha siglato anche la pole position ed il giro più veloce, facendo diventare la Mahindra la prima Casa nella storia della Formula E capace di ottenere pole-position, giro più veloce e vittoria nella stessa competizione.

Ma se Mahindra comanda la graduatoria dei costruttori, la squadra DS Virgin Racing è arrivata sul circuito di Moulay El Hassan di Marrakech in testa alla classifica piloti, ed il britannico Sam Bird è stato autore di un’ottima Super Pole che gli è valsa la seconda casella dello schieramento di partenza dell’ePrix marocchino.

La gara ha visto Rosenqvist conquistare la vittoria dopo essere partito dalla terza posizione in griglia, superando, a quattro giri dalla fine, Sebastien Buemi, fino ad allora leader della corsa. In questo modo il pilota svedese ha conquistato la prima posizione nella classifica piloti ed ha permesso al team indiano di consolidare la leadership in quella costruttori. Il compagno di squadra, l’ex pilota di F1 Nick Heidfeld, ha concluso la gara al settimo posto nonostante un tamponamento con altri due concorrenti nei giri finali.

Sul fronte DS, Sam Bird ha conquistato il terzo posto, mentre Alex Lynn è arrivato ancora una volta nei punti. Così, il primo è secondo in classifica generale, a soli quattro punti dal leader, e il team DS Virgin Racing occupa il secondo posto nella classifica costruttori. Sam Bird è partito all’attacco di Sebastien Buemi per conquistare la testa della gara mentre Alex Lynn, in posizione arretrata, è stato urtato da Daniel Abt nella prima curva ed è dovuto ripartire nelle retrovie, ma nei 33 giri della gara è riuscito a rimontare fino al nono posto. Nella seconda parte della gara, Sam Bird ha dovuto cedere la seconda posizione a Rosenqvist ed ha concluso al terzo posto, ma ha comunque ottenuto punti molto utili in vista della gara in Cile del 3 febbraio.

Dunque, saranno ancora Mahindra e DS a lottare per le posizioni di vertice in Cile, con Renault, Audi e Jaguar pronte a rubargli la scena.