Dakar 2018: Peugeot vince ancora, ma Loeb abbandona la corsa

La Dakar perde uno degli equipaggi protagonisti, quello di Sebastien Loeb e Daniel Elena. Vince Peterhansel con la Peugeot 3008 DKR Maxi e si conferma leader della generale.

Dakar 2018: Peugeot vince ancora, ma Loeb abbandona la corsa

di Tommaso Giacomelli

11 gennaio 2018

La quinta tappa è la più lunga fra quelle previste durante questa Dakar 2018. Oltre 900 chilometri da San Juan De Marcona ad Arequipa, di cui 267 di speciale. La particolarità sta nelle due prove in parallelo: le vetture percorrono prima il settore B (67km) poi subentrano alle moto nel settore A (200 km). I concorrenti percorrono per la prima volta le mitiche dune di Tanaca, un sentiero per le montagne lungo 30 chilometri. In questo bellissimo scenario è andata in scena una gara ad eliminazione, in cui a dire addio alla corsa è uno dei favoriti Sebastien Loeb col suo copilota Daniel Elena. L’equipaggio franco-monegasco che già aveva vinto una tappa durante questa edizione, si è ritirato dopo che la Peugeot 3008 DKR Maxi è finita in una buca, per evitare un concorrente fermo, e da lì non è più uscita fino all’arrivo del camion. Nell’impatto Daniel Elena ha subito dei dolori allo sterno e al coccige, e non ha potuto continuare la corsa. Finisce in questo modo il sogno del 9 volte campione mondiale rally di trionfare alla Dakar.

Peugeot ha avuto comunque modo di sorridere, poiché Stephane Peterhansel, già leader della classifica generale, è riuscito a vincere la quinta tappa con grande mestiere, portandosi addirittura a 31 minuti di vantaggio sul secondo. Sainz e Cruz con un’altra delle Peugeot 3008 DKR si sono destreggiati molto bene in questa difficile tappa, arrivando al traguardo con il quarto cronometro di giornata. In classifica generale invece rimangono al secondo posto, dietro a Peterhansel. Despres/Cottret dopo le disavventura del giorno prima e la nottata insonne per poter ripartire, sono riusciti nella loro missione di arrivare al traguardo proteggendo le spalle agli altri piloti del Team Total Peugeot.

Sebastien Loeb si ritira dalla Dakar dopo una giornata davvero sfortunata, che ha visto infortunarsi il suo copilota Daniel Elena: “L’inizio della tappa è stato molto complicato per noi. Ci siamo insabbiati quasi subito una prima volta. La sabbia era molto soffice e la vettura non risaliva le dune. Le tracce dei concorrenti che nel frattempo ci avevano superato ci hanno aiutato a risalire. Poi ci siamo imbattuti in un concorrente bloccato sulla cresta della duna. Per non essere costretti a fermarci durante la salita, ho scelto l’opzione di aggirarlo da destra. Dietro la cresta c’era però un fosso che non abbiamo visto. Abbiamo subìto un urto violento. Non c’è stato null’altro da fare che aspettare il camion, che ci ha tirato fuori in pochi minuti. Daniel ha accusato forti dolori in seguito all’urto. Abbiamo finito la speciale al rallentatore per non aggravare il suo stato di salute. Considerando la lesione subita da Daniel, non abbiamo altra scelta, se non quella di ritirarci”.

Stephane Peterhansel è uscito vincitore dalla quinta tappa ed è leader della classifica, ma non sembra soddisfatto di quanto vissuto durante la giornata: “Oggi non ho fatto una brutta gara, ma per noi non è stata una corsa perfetta. Abbiamo perso pressione in uno pneumatico che è uscito dal cerchio e quindi ci siamo dovuti fermare e abbiamo perso diversi minuti. Abbiamo anche fatto un errore di navigazione alla fine della tappa. Non riuscivamo a trovare un waypoint. Abbiamo girato per più di 2 minuti. Dunque non è stata una giornata perfetta, ma rispetto agli altri non è andata poi così male. Sono davvero dispiaciuto per Cyril, è un mio amico. E’ deludente anche per Sébastien e Daniel, ma questa corsa è così, è la Dakar…”

La classifica dopo cinque tappe

    • 1. Stéphane Peterhansel (FRA) / Jean-Paul Cottret (FRA), PEUGEOT 3008DKR Maxi, 13h27m26s
    • 2. Carlos Sainz (ESP) / Lucas Cruz (ESP), PEUGEOT 3008 DKR Maxi, +31m16s
    • 3. Bernhard Ten Brinke (NLD) / Michel Perin (FRA), Toyota 4WD, +1h15m16s
    • 4. Nasser Al Attiyah (QAT) / Matthieu Baumel (FRA), Toyota 4WD, +1h23m21s
    • 5. Giniel de Villiers (ZAF) / Dirk von Zitzewitz (ZAF), Toyota 4WD, +1h34m34s
    • 6. Sheikh Khalid Al Qassimi (ARE) / Xavier Panseri (FRA), Peugeot 3008DKR, +1h46m48s
    • 7. Eugenio Amos (ITA) / Sebastien Delaunay (FRA), Buggy 2WD, +2h1m57s
    • 8. Jakub Przygonski (POL) / Tom Colsoul (BEL), Mini 4WD, +2h16m43s
    • 9. Martin Prokop (CZE) / Jan Tomanek (CZE), Ford 4WD, +2h17m27s
    • 10. Patrick Sireyjol (FRA) / Francois-Xavier Beguin (FRA), Buggy 2WD, +2h58m22s