WRC Australia: Citroen punta a fare il meglio nell’ultimo appuntamento dell’anno

Il Rally d’Australia è il tredicesimo e ultimo appuntamento del WRC. I titolo sono già stati assegnati, ma Citroen punta a fare bene nell’atto conclusivo della stagione.

WRC Australia: Citroen punta a fare il meglio nell'ultimo appuntamento dell'anno

di Tommaso Giacomelli

14 novembre 2017

Ci apprestiamo a vivere il tredicesimo ed ultimo appuntamento del WRC, che si correrà nella spettacolare cornice australiana. Si tratta di un Rally particolarmente complesso e veloce, percorso tra ghiaia, fango e polvere. L’evento prende luogo sulla costa est dell’Australia: tra Sydney e Brisbane. Citroen vuole concludere in modo positivo l’anno, cercando di ottenere un risultato positivo. Il percorso su terra è suddiviso tra piste larghe attraverso i campi e tracciati più tecnici che si snodano nella foresta pluviale. Il fondo è spesso ricoperto da pietrisco, molto scivoloso per i piloti che fanno da apripista. Dopo alcuni passaggi, il suolo compatto permette grande aderenza, a meno che non intervenga la pioggia, anche se raramente fa capolino in queste zone. Per l’edizione 2017, gli organizzatori hanno pensato un percorso più compatto, che combaciasse però con le strade ben conosciute dai veterani di questa gara. A fare la differenza sarà la speciale di Nambucca, lunga circa 50 km e disputata all’alba di sabato. Le sorti della Casa transalpina sono affidate agli equipaggi composti da: Stéphane Lefebvre/Gabin Moreau, Craig Breen/Scott Martin e Kris Meeke/Paul Nagle

A livello di campionato e di assegnazione dei titoli, il WRC 2017 ha già detto la sua, dato che tutto si è concluso dopo il Rally di Gran Bretagna. Per questo motivo tutti sono pronti e carichi per correre a cuor leggero questo ultimo evento, con l’obiettivo unico di vincere e di fare il meglio possibile nell’ultima tappa del mondiale. Citroën Total Abu Dhabi WRT e i suoi tre equipaggi non saranno da meno. I piloti delle C3 WRC potranno in parte compensare la loro scarsa conoscenza del terreno grazie ad una posizione di partenza favorevole, che garantirà a loro di muoversi con maggior aderenza e sicurezza sulle strade oceaniche.

Kris Meeke è il pilota Citroen che vanta la maggiore esperienza su queste superfici, dato che ha partecipato a questo rally dal 2013 al 2015, mancando solamente lo scorso anno. Il suo talento naturale si era espresso con un quarto posto nel 2014, e con un podio l’anno successivo. L’inglese, vincitore di due prove questa stagione (Messico e Spagna), potrebbe lottare per i primi posti, dato che la vettura sembra essere particolarmente competitiva. Stéphane Lefebvre aveva preso parte alla spedizione del 2015, sostituendo Mads Østberg, rimasto ferito in un incidente. Per il suo primo rally su terra al volante di una WRC, il giovane francese aveva fatto segnare tempi interessanti, in particolare durante la prima tappa. Sarà invece un esordio assoluto in Australia per Craig Breen. L’irlandese correrà in questo rally per la prima volta, ma ha già fatto vedere le sue ottime capacità di adattamento durante questa stagione.