F1: a Melbourne vince Hamilton ma Vettel è già sul podio

Doppietta Mercedes in Australia con Vettel che conquista la terza posizione

 

Si spengono i semafori dell'Albert Park a Melbourne e scattano subito veloci le due Mercedes, con Hamilton che prende la testa della gara, mentre dietro Vettel non è altrettanto reattivo e, alla prima curva, entra duramente su Raikkonen innescando una serie di contatti tra la SF15-T di Iceman e le altre monoposto. A farne le spese è Maldonado che esce di strada ed  è costretto a ritirarsi. Così, fa subito la sua comparsa la safety car e, dopo pochi giri, si riparte con le due frecce d'argento a dettare il ritmo.

Vettel è attaccato agli scarichi della Williams di Felipe Massa, in lotta per la terza posizione e Raikkonen gira dietro a Ricciardo senza riuscire a superarlo. Al giro 17 Iceman si ferma per la prima sosta ai box, ma un problema con una gomma, la posteriore sinistra, ne rallenta l'uscita. Passano altri 5 giri ed è la volta di Felipe Massa, e così, al giro 25, dopo aver spinto per 3 tornate come un forsennato, Vettel fa il suo ingresso in pitlane e supera il pilota della Williams al momento di riguadagnare la pista.

Con il tedesco in terza posizione, anche Raikkonen si da molto da fare: compie sorpassi interessanti, tiene un ritmo importante e guadagna una preziosa quinta posizione. Purtroppo però, al giro 42, in occasione della sua seconda fermata ai box, persistono i problemi alla ruota posteriore sinistra, che non viene fissata bene e costringe il pilota della "rossa" al ritiro una volta rientrato sul tracciato.

Si tratta dell'unica nota stonata in casa Ferrari, visto che le prestazioni di Iceman avrebbero potuto infastidire Massa, che alla fine ha concluso in quarta posizione, dietro un caricatissimo Vettel, il quale, una volta tagliato il traguardo ha esclamato via radio: "forza Ferrari"!

Dunque prima gara e primo podio per la SF15-T: una monoposto senza dubbio nata bene, che vanta una power unit decisamente migliorata, e la capacità di non consumare troppo velocemente le gomme. Certo, la strada è ancora lunga perché la Mercedes, soprattutto con Hamilton, ha mostrato una netta superiorità. Ma incoraggia il fatto che in alcuni frangenti della gara il ritmo di Vettel era molto vicino a quello di Rosberg, che, a sua volta, pur arrivando secondo, è uscito con le ossa rotte dal confronto con il suo compagno di squadra: troppo forte per il figlio d'arte e sempre più leader nel team Mercedes.

Ottima prestazione delle Sauber, con Nasr in quinta posizione dopo la bandiera a scacchi ed Ericsson arrivato ottavo, davanti ad un consistente Carlos Sainz Jr con la Toro Rosso. Prestazione onesta di Ricciardo, sesto a fine gara a causa di una power unit poco competitiva, e di Hulkenberg, che con pazienza e intelligenza tattica ha ottenuto il settimo posto. Chiude il gruppo Perez in decima posizione davanti a Jenson Button lontano anni luce per via di una McLaren che accusa distacchi abissali.

 

 

Se vuoi aggiornamenti su F1: A MELBOURNE VINCE HAMILTON MA VETTEL È GIÀ SUL PODIO inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
di Valerio Verdone | 15 marzo 2015

Vedi anche

F1 2017: parte un mondiale tutto nuovo

F1 2017: parte un mondiale tutto nuovo

Domenica a Melbourne si inizia a fare sul serio con la prima gara del 2017

Rally: in Messico vince la Citroen

Rally: in Messico vince la Citroen

Kris Meeke è il re del Sud America ma Ogier diventa leader del mondiale con il secondo posto

F1, test a Barcellona: Raikkonen e Ferrari davanti alla Mercedes di Hamilton

F1, test a Barcellona: Raikkonen e Ferrari davanti alla Mercedes di Hamilton

Avvincente testa a testa Ferrari – Mercedes: dopo la leadership mattutina di Hamilton, è Raikkonen il più veloce nella seconda giornata di prove.