F1: la soddisfazione di Montezemolo

Il Presidente della Ferrari ha radunato il suo entourage in vista dell’ultima parte della stagione ed ha elogiato il lavoro svolto dalla squadra

F1: la soddisfazione di Montezemolo

di Valerio Verdone

03 agosto 2010

Il Presidente della Ferrari ha radunato il suo entourage in vista dell’ultima parte della stagione ed ha elogiato il lavoro svolto dalla squadra

Torna a parlare Luca Cordero di Montezemolo, e lo fa dopo la seconda corsa utile per le “rosse”, quel Gran Premio d’Ungheria che ha rilanciato definitivamente Alonso nella corsa mondiale. Si mostra soddisfatto per quanto hanno dimostrato i suoi uomini nell’ultimo mese, ma sprona il team a proseguire su questa strada, intensificando gli sforzi per raggiungere la vittoria.

E’ stato un mese di luglio molto intenso, che si è concluso con delle belle soddisfazioni per noi – ha spiegato Montezemolo – soprattutto se vediamo dove siamo oggi rispetto ad un mese fa. Di questo voglio ringraziare tutti i nostri collaboratori perché hanno lavorato con grande impegno per questi risultati. A Hockenheim abbiamo fatto una doppietta e in Ungheria abbiamo portato a casa un secondo ed un quarto posto che rappresentano il massimo che potevamo ottenere. I tecnici hanno lavorato a testa bassa per migliorare la vettura e i piloti hanno fatto un ottimo lavoro: Fernando e’ partito in maniera straordinaria e quasi quasi riusciva anche a passare al comando alla prima curva mentre Felipe ha portato a casa punti importanti in una gara speciale per lui, un anno dopo il suo incidente. Certo, in precedenza in questa stagione abbiamo sprecato delle grandi opportunità e c’è sempre il rammarico per alcune decisioni che ci hanno lasciato perplessi ma dobbiamo guardare avanti e pensare che oggi siamo in condizione di poter credere nel Mondiale“.[!BANNER]

Un mondiale non semplice da conquistare, per il quale Montezemolo ha la ricetta giusta: “dobbiamo continuare così e i conti li faremo alla fine. Sappiamo che c’è bisogno di lavorare con ancora più forza e determinazione sullo sviluppo della macchina ma questo la nostra gente lo sa bene, meglio di me“.

No votes yet.
Please wait...